Segui il Consiglio comunale in video streaming

20150327_104245Approvate le misure correttive alle criticità ravvisate dalla Corte dei Conti. Il dirigente Subba chiarisce i timori

Lipari- Con il voto favorevole di sette consiglieri di maggioranza ( astenuti i quattro della minoranza presenti) sono passate le misure correttive alle criticità ravvisate dalla Corte dei Conti sul rendiconto del 2012. Approvato anche un emendamento, all’unanimità,  con il quale si chiede all’Amministrazione di aggiornare la Commissione d’indagine sui debiti fuori bilancio esistenti. Rispetto alle criticità contestate dalla Corte dei Conti ( di cui vi informiamo a parte con un intervento di Angelo Sidoti) si è registrato in aula l’intervento del Ragioniere generale Francesco Subba. ” Non credo- ha detto- ci sia comune in Italia che riceva complimenti dalla Corte dei Conti. Vi posso garantire che non c’è. E comprendo il vostro livello di preoccupazione.

Ma – ha avvertito Subba- sapete però quando dovete allarmarvi ? Quanto la Corte dei conti contesterà  irregolarità, il falso in bilancio, o il dissesto finanziario . Da noi contesta soltanto criticità, e solo di questo bisogna prendere atto alzando, comunque, il livello di guardia”.  Subba ha quindi informato il Consiglio sull’operato, spiegando i motivi di quelle criticità a fronte del lavoro e delle “acrobazie” contabili svolte per restare in equilibrio. Facendo notare, ad esempio, alcuni paradossi. Sulla crisi di liquidità ,” c’è un avanzo di amministrazione di 4,5 mln ma se lo utilizzi peggiori il patto di stabilità. A fine marzo ci sono arrivati 2 mln dalla regione ma fino a dicembre 2014 avevamo avuto soltanto 500 mila euro su tre mln e mezzo di finanziamento dovutoci. Ed ancora, ” per rispettare il patto di stabilità nel nostro bilancio transitano fondi che sono finanziati da altri enti. A livello nazionale vedono le spese e , quindi, ritengono che le possiamo ridurre. Ma, e lo abbiamo fatto più volte presente, non sono spese nostre ma finanziate dalla Regione, anche per servizi essenziali, e partiamo con un handicap di 2,5 mln. Trasferimenti statali , poi, non ne abbiamo più ma addirittura  lo Stato preleva dai nostri tributi comunali prende dai tributi comunali 3 mln di euro”.

Fa rilevare ancora il dott. Subba: ” noi non utilizziamo le somme a destinazione vincolata. Sono 15 mln di euro , fermi, bloccati dal Patto di stabiità. Dobbiamo fare anticipazione di tesoreria ? La legge dice che sei hai somme a destinazione vincolata puoi utilizzarle garantendo l’impiego con  anticipazioni di tesoreria e risparmiando così sugli itneressi passivi. Per la Corte dei Conti su 4,6 mln ne abbiamo utilizzati soltanto 200 mila. Beh…cercheremo di fare meglio”. Per quanto riguarda poi le spese a carattere non ripetitivo, cioè oneri straordinari sulla gestione corrente, il Ragioniere generale  ha evidenziato che buona parte delle stesse è costituita da stanziamento di spesa che viene utilizzato soltanto a patto di stabilità rispettato.

Sui debiti fuori bilancio Subba ha rimarcato come abbia suggerito, come avvenuto, l’istituzione della Commissione speciale per chiedere l’attenzione della Corte dei Conti sulla maturazione di alcune partite per stabilirne le responsabilità. Infine su un’altra operazione prudenziale consigliata dalla Corte dei Conti , cioè la patrimonializzazione dei residui attivi considerati di dubbia esigibilità affinchè gli stessi non partecipino al risultato d’esercizio è emerso come tale operazione al Comune di Lipari venga effettuata già da 5 anni.