Recupero aree pomicifere: il lavoro svolto dal consulente Sidoti

pomice

Amministrazione Comunale di Lipari

Alla cortese attenzione del Sindaco Marco Giorgianni

Oggetto: Realizzazione del programma di riqualificazione e recupero sostenibile delle aree di cava nell’Isola di Lipari.

Egregi Tutti,

Angelo Sidoti
Angelo Sidoti

la presente per renderVi edotti di alcune delle attività che sono state da me avviate, in qualità di Consulente Volontario, il cui mandato mi è stato conferito giusta determina n. 84/2015 del 07.12.2015 al fine di “coadiuvare il Sindaco nell’espletamento delle sue funzioni, ai fini del perseguimento degli obiettivi programmatici di governo meglio esplicitati nella determina stessa e, segnatamente, nell’ambito delle attività istituzionali tese allo sviluppo ed alla gestione dell’Accordo per la realizzazione del programma di riqualificazione e recupero sostenibile delle aree di cava site nell’isola di Lipari”.

Durante questi primi mesi di mandato, il Sottoscritto ha avviato costanti e proficui contatti con l’Amministrazione Comunale, nella persona del Sindaco Giorgianni, e con alcuni Funzionari e Dirigenti Comunali, dai quali ho ottenuto la massima disponibilità e collaborazione.

L’impostazione iniziale del Programma di Riqualificazione e Recupero prevede una suddivisione del progetto in due macro fasi:

Ø Messa in Sicurezza delle Aree di Cava e contestuale Avvio dell’Istituzione del Parco Geominerario;

Ø Piano di Riqualificazione dei fabbricati industriali e civili e Valutazione dei progetti da parte di un panel di esperti indipendenti.

Sul primo punto sono state avviate le seguenti attività preliminari:

o Esecuzione di un sopralluogo da parte di un Consorzio di comprovata esperienza nel Settore Ambientale per analisi dello stato dei luoghi e mappatura di massima delle aree a rischio ed elencazione delle proposte di intervento urgenti;

o Incontri singoli con i firmatari della precedente “Proposta di Pianificazione dell’Area Pomicifera di Porticello-Acquacalda”, ovvero Legambiente e Associazione DottEolie, Associazione Ossidiana, aventi come finalità quella di conoscere le loro aspettative sulla iniziativa; eccezion fatta per la Federalberghi in quanto, viste le priorità assunte in questa prima fase, si ritiene opportuno coinvolgerla nella seconda macro fase progettuale;

o Incontro con il Comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Lipari per quanto attiene la proprietà demaniale ricadente nel territorio oggetto di intervento e le attività avviate a tutela dell’Ente Demanio;

o Incontro con il Dirigente del Distretto Minerario per quanto attiene lo stato delle autorizzazioni rilasciate e gli obblighi ricadenti in capo ai soggetti concessionari dell’attività mineraria, in considerazione dell’evidente stato di abbandono e dell’elevata esposizione a rischi di natura ambientale;

o Incontri con il Curatore fallimentare per quanto attiene lo stato della procedura, le attività programmate e pianificate nel breve periodo, le iniziative che l’Ente avvierà a tutela dei propri diritti e dell’intera cittadinanza nei confronti della curatela;

o Redazione di una ipotesi di cronoprogramma delle attività da avviare nel breve e nel medio lungo periodo (MISE e MISP), attinente il Piano di Messa in Sicurezza delle Aree di Cava, distinguendo all’interno di esso le fasi progettuali e quelle realizzative;

o Quantificazione di massima degli investimenti necessari per la realizzazione del Piano di Messa in sicurezza delle Aree di Cava ed individuazione delle fonti finanziarie necessarie;

o Censimento dei Parchi Geominerari o Minerari esistenti sul Territorio, pianificazione di eventuali visite, definizione di contatti con gli Enti Gestori, analisi dei risultati economici/finanziari conseguiti negli ultimi tre anni;

o Attività propedeutiche alla predisposizione di azione di rivendica e/o possessoria dei terreni e quant’altro di proprietà comunale a tutt’oggi in uso e/o possesso della fallita Società Pumex S.p.a.

Sul secondo punto sono state avviate le seguenti attività preliminari:

–  Acquisizione di tutta la documentazione catastale, strumenti urbanistici e vincoli esistenti nell’intera area oggetto di Riqualificazione e Recupero Sostenibile;

–  Coinvolgimento di una Società di progettazione di comprovata esperienza nel Settore per valutare la redazione di un progetto guida prendendo anche spunto da progettualità già poste all’esame dell’Amministrazione, dell’Unesco etc etc

Azioni da avviare/valutare nel mese di Febbraio 2016:

o Attività propedeutiche alla diffida e messa in mora nei confronti di Italpomice Spa in liquidazione al fine di porre in sicurezza l’intera area della Cava di Acquacalda;

o Attività propedeutiche alla predisposizione dell’azione di rivendica e/o possessoria dei terreni e quant’altro di proprietà comunale a tutt’oggi in uso e/o possesso della Società Italpomice S.p.a. in liquidazione;

o Presentazione dell’azione di rivendica e/o possessoria dei terreni e quant’altro di proprietà comunale a tutt’oggi in uso e/o possesso della fallita Società Pumex S.p.a.;

o Incontri singoli con Capigruppo Consiliari, Presidente Commissioni Consiliari interessate, Associazione Geometri Eoliani;

o Incontro con la Curatela di Pumex Spa per accertare l’eventuale piano di dismissione di beni aziendali e la possibilità di un eventuale riutilizzo di parte di essi nella progettualità di un Parco Geominerario da sviluppare nell’area di Porticello;

o Incontro con la Curatela di Pumex Spa al fine di verificare il programma di dismissione, messo in atto dalla sua controllata Italpomice Spa in liquidazione, ed eventuali programmi futuri rappresentati dal Suo liquidatore a tutela del patrimonio aziendale ed a garanzia di soggetti pubblici e privati creditori.

A completamento delle attività indicate al punto precedente, potenzialmente realizzabili nel corso del mese di Febbraio 2016, si concorderà con il Sindaco la data di un eventuale incontro pubblico con tutti i soggetti interessati.

Il Consulente Volontario del Sindaco

Dott. Angelo Sidoti