Raffaele: Consiglieri comunali si dimettano

consiglioRiceviamo da Lucio Raffaele e pubblichiamo:

Oggi, 24/10/2013, un altro consiglio comunale, dopo quello del 23 /10 saltato per abbandono dell’aula di molti consiglieri , è andato deserto per mancanza del numero legale.

Consiglio comunale che era stato convocato per discutere di alcuni importanti argomenti quali depuratore e alcuni debiti fuori bilancio e ciò dimostra la superficialità di chi il popolo eoliano ha delegato ad essere rappresentato.

 La condizione di totale estraneità che i consiglieri esercitano nel corso dell’assise civica fa evidentemente ritenere loro che la presenza fisica per garantire quantomeno il numero legale non sia poi tanto importante e che la stessa magari possa essere assicurata da qualcun altro e, di deduzione in deduzione approfittare per sorseggiare piacevolmente e tranquillamente un caffè e scambiare quattro chiacchiere al bar con gli amici .

 Un pensiero comune di alcuni consiglieri del governo eoliano, che stamani alle ore 09:00 faceva risultare la sola presenza in aula di Sabatini , Portelli , Lauria , Orifici e Centorrino e, per amore di verità, la presenza di Lo Cascio, giunto con alcuni minuti di ritardo, saltando l’appello e di conseguenza risultato assente.

 E’ con questa apatia che la cittadinanza eoliana si ritrova a convivere, pagandone lo scotto soprattutto se è risultante a verità che ogni seduta alla collettività costa circa 600 euro (sommando quante sedute si perdono a 600 euro ciascuno, il conto è presto fatto).

Di fronte all’incapacità di leggere le difficoltà attuali e tradurle in attenzioni ed azioni che la cittadinanza fortemente auspica, ma che purtroppo non riesce a ricevere, spero che chi ritiene che la propria presenza in consiglio non sia poi cosi tanto importante, abbia uno scatto d’orgoglio e si dimetta lasciando che sia chi veramente ha a cuore le sorti delle nostre Eolie a lavorare per il bene comune delle isole.

Lucio Raffaele