Quando il contatore dei voti sballa quello idrico

peterdi Daniele Corrieri

A proposito di rimborso delle bollette del servizio idrico per la depurazione : Da mie verifiche, allo stato attuale non vi è nessuna possibilità per il singolo cittadino-utente che ciò avvenga presentando richiesta, nonostante le sentenze.

Servirebbe, piuttosto, una class action: un comitato di cittadini o un’associazione a tutela dei consumatori che intenti causa al Comune per stabilire se l’ente debba rimborsare o meno.

Ma più opportuno e doveroso sarebbe che gli “illustri” Consiglieri Comunali, almeno 2 su 20, anzichè far perdere tempo ai cittadini, verificassero le questione nella sede istituzionale. Ritengo che ogni voto ricevuto appartiene anche a chi ha un contatore: E non è un numero ma una persona che scrivendo nome e cognome sulla scheda elettorale ha consentito a questi signori di essere eletti e di sedersi tra i banchi del consiglio comunale.