” Na curuna di diamanti ! “

” Na curuna di diamanti ”

di Giovanni Giardina

Un ghiornu, mentri u Diu Patri Onnipotenti

passiàva ‘ncielu ‘nsiemi cu li Santi,

alla Sicilia pinzò i fari presenti

e da curuna si scippò i diamanti !

 

Da curuna si scippò setti elementi

e li pusò a mari ‘nfacci a lu livanti,

Eolie li chiamarunu la genti

ma di lu Patri Eternu su i diamanti.

 

Pinzò d’accuntintari a tutti quanti

a chiddi viscini e a chiddi cchiù distanti

e pi fari cuntenti a tutti i naviganti

li dutò a mari di du fari ardenti .

 

Da matri terra nn’arrivaru tanti

e ringraziaru a Diu pi ddi brillanti,

poi grati pi ddu rialu chi ci desi,

jarmàru muri, torri, casi e criesi .

 

I t’annu accuminciò un cruscivia

c’era cu arrivava e cu è chi ripartìa,

da luntanu si partieru puru i pirati

ma a fierru e fuocu, fuoru ricacciati !

 

Ma chistu è sulamenti un suntu,

a storia è longa, anutili va cuntu,

tantu u sapiti, cumu iù a finiri ,

a st’isuli ci rrubbàru l’avveniri !

 

Oggi….i figghi a Diu su scurdàru !

Oggi….esisti sulu u diu danaru !

Pi curpa d’un pugnu i latruni e di briganti :

“ Ristammu, cu na manu d’arriedu e una davanti “