Màla Tèmpora Cùrrunt… Meteo!

di Marco Miuccio

miuccio-rubrica160Così professavano i latini, senza limitarsi al mero riferimento meteo! Analizzando gli ultimi avvenimenti, con particolare riguardo nell’attenta verifica delle situazioni e delle reazioni da esse generate, ci si mette le mani nei capelli, almeno coloro che ce li hanno ancora!

Risolte le problematiche relative ad una paventata interruzione dei collegamenti, ci si preoccupa di non abbassare la guardia, restando sul pezzo, facendo sentire la propria voce anche per la “semplice” mancanza di un solo mezzo, con la conseguente modifica degli orari, gli stessi che erano stati precocemente mutati in “estivi”, con la promessa che tali sarebbero rimasti, ma che, rientrata la necessità, possono tranquillamente tornare in modalità “invernale”!

Ma queste sono le illazioni che si sentono dire in giro, di cui si riporta la voce per “volere di cronaca” e libertà di opinione, ma delle quali non si condivide né il contenuto né tanto meno la tendenziosità!

Chi naviga sa che le avarie sono all’ordine del giorno, che ” cu mància fà muddìca “, che non esistono più le mezze stagioni, che si stava meglio quando si stava peggio… e mi fermo qui con i luoghi comuni!

E dopo quella dell’anello, passiamo alla “Compagnia dell’Expo”, che è tornata dalla “terra di mezzo” milanese, dove è riuscita, senza alcuna possibilità di discussione in merito, a presentare il territorio in maniera squisitamente eoliana, attraverso la sinergia di un gruppo di professionisti che ha sfruttato la totale disorganizzazione dei primi giorni dell’evento a suo vantaggio.

E’ ben chiara e conosciuta la genetica capacità di improvvisazione e l’estemporaneità dell’organizzazione di “Noi” Siciliani, ancor più accentuata e marcata nel popolo Eoliano, fattore che ha permesso alla spedizione dell’arcipelago, di eccellere nei giorni di permanenza all’Expo, portando un po di colore con i cantori popolari, che a noi piace chiamare sempre Folk.

Grande successo anche per la compagine degli Chef eoliani, che hanno deliziato i presenti con le ricette create per l’occasione, di cui, sono certo, avremo la possibilità di gustarne i sapori, presso le strutture ricettive di riferimento che li inseriranno certamente in menù.

Confidiamo che, per il ritorno a Milano programmato per Settembre, l’Expo non abbia rodato la sua organizzazione, pregando che non ci presentino un programma da seguire od una scaletta da rispettare, altrimenti rischiamo davvero di fare figure… ed anche questa volta potremo fare un pò come ci pare, che è la cosa che ci viene meglio, perchè ci viene naturale!

In un paese che soffre della discriminazione idrica per contrade, dove l’unico porta a porta che può essere realizzato con successo è quello della distribuzione dei “santini”, una settimana prima della processione di turno, con raccolte di fondi che risolverebbero i guai finanziari di piccoli stati esteri, attendiamo di conoscere le evoluzioni amministrative che sacrificheranno giovani protagonisti del successo eoliano all’Expo, dando spazio a chi tocca!

Un solo dubbio da dipanare..

Ma gli assessori, una volta “dismessi”, vanno nell’organico?!?

No dico… giusto per la differenziata eh!?!

Meteo:

E questo temutissimo ciclone, dal nome che varia tra una missione all’estero (Forex) ed un antiruggine (Ferox), arriverà anche sulla Sicilia, investendo il nostro arcipelago con delle correnti di Nord/Nord Ovest, che rinfrescheranno l’aria, abbassando le temperature medie, portando rovesci, anche a carattere temporalesco, che daranno qualche fastidio, soprattutto a chi aveva pensato di fare il pranzo della Comunione all’aperto!

Già dalla notte tra Sabato e Domenica potrebbe venir giù acqua di cielo, che si trasformerà in “…chia dell’acqua” nelle prime ore del pomeriggio, con qualche possibilità di strascichi anche per Lunedì.

La settimana continuerà con un’alternanza di correnti provenienti dal terzo e quarto quadrante, con andamento sinusoidale dell’intensità delle stesse, che non dovrebbe determinare grossi disagi ai mezzi alati.. come? non si capisce? Ah…

Da lunedì a seguire c’è ponente, ma non così forte, quindi se non viaggiano per le Bistratt-Isole sono scelte e non ci pùtemu fari nènti.. così è più chiaro?!?

 

Food: Braciolettine di spada su letto di zucchine crude!

braqciolettineUn piatto veloce ed assolutamente estivo, dove la leggerezza e l’apporto calorico dello stesso è governato, come sempre, dalle misura delle quantità!

La qualità, nel caso specifico, è garantita nella trasformazione della materia prima da Antonella Calabrò, che ha realizzato la ricetta classica le braciolettine di pesce spada, con un goloso ripieno di pan grattato, prezzemolo, aglio, formaggio, pepe nero, con degli squisiti, quanto croccanti, piccoli capperi locali, utilizzando un’esemplare di peso non superiore ai 40 Kg, assicurandosi di offrire un prodotto che non rientri, per peso, nella pericolosa categoria degli “accumulatori di metalli pesanti”!

Qui proposte nella versione cotta in forno, vengono adagiate su un letto di zucchine crude e tagliate sottili “a coltello”, condite con sale, olio EVO, aceto balsamico, assorbiranno naturalmente il condimento, restando croccanti e fresche.

Provatele in questa versione.. Expotrebbero piacervi!!!