Libri: La Flora Mediterranea

PARLIAMO DI LIBRI…Rubrica settimanale della Biblioteca Comunale di Malfa a cura di Antonio BRUNDU

LA FLORA MEDITERRANEA di Enrico BANFI e Francesca CONSOLINO

Antonio Brundu
Antonio Brundu

Il bacino del Mediterraneo sorprende per la sua unicità geografica: in nessun’altra parte del Pianeta esiste un mare così esteso quasi senza comunicazione con l’oceano aperto, se non fosse per quell’esiguo passaggio a presidio del quale gli antichi posero le Colonne d’Ercole e che oggi chiamiamo Stretto di Gibilterra.

Eppure, sulle sue sponde la diversità umana è più marcata che altrove: le genti sono innumerevoli, quasi a testimoniare la forza d’attrazione sprigionata dalla mitezza del clima. E così come è avvenuto per il genere umano, la stessa diversità si è estrinsecata nelle manifestazioni della natura.

Ne è un esempio significativo la flora, presa in considerazione in questo volume che tratta tutte le specie più diffuse, senza tralasciare alcuni casi con areale limitato, ma molto significativi da un punto di vista botanico e conservazionistico.

La prima parte è di carattere introduttivo alla flora e alla vegetazione in generale, con particolare riguardo, ovviamente, alla flora mediterranea. Gli argomenti sono articolati in modo consequenziale, partendo dal clima, che è il fattore che più influenza la vegetazione, per giungere alla classificazione.flora med 1

Vengono presi in considerazione anche gli aspetti che riguardano il rapporto tra l’uomo e la vegetazione, sottolineando l’impatto negativo del passato e la moderna presa di coscienza che conduce a una maggiore attenzione per la biodiversità. Il carattere manualistico si esprime anche nella chiave che consente di identificare con certezza tutte le specie trattate nel volume: questa chiave, che occupa ben 20 pagine, può sembrare specialistica, ma in realtà risulterà preziosa e di facile lettura anche per il semplice appassionato.

La seconda parte, dedicata alle singole specie descritte in ordine sistematico, è articolata in schede corredate da una carta d’identità riassuntiva. Il testo è suddiviso in capitoletti che descrivono i caratteri morfologici, l’ecologia, la diffusione, le sinonimie scientifiche e le specie simili.

Le appendici rappresentano il logico completamento del volume: prendono in esame le piante che non producono fiori vistosi (graminacee, giuncacee e ciperacee), oltre agli arbusti e agli alberi tipicamente mediterranei.

Mentre per le schede il corredo illustrativo è costituito esclusivamente da fotografie a colori, qui sono state realizzate apposite tavole. Il ricco glossario (circa 300 termini) consente una facile lettura delle schede, accentuando il carattere pratico di questa guida.

23 aprile 2015