Leni: Bella festa per i 101 anni di Antonino Coppolino

coppolino 1

Michele Merenda

SALINA –  Antonino Coppolino di Leni, ha compiuto 101 anni. L’anno scorso, l’amministrazione del Comune salinese ha celebrato i 100 anni del suo figlio più longevo con un festeggiamento a cui hanno partecipato anche gli esponenti delle Forze dell’Ordine presenti sull’isola ed i rappresentanti delle amministrazioni di Malfa e S. Marina Salina. Quest’anno, Coppolino ha desiderato organizzare una festa in cui sono stati invitati circa quaranta persone tra familiari, amministratori, autorità ed amici più stretti.

coppolino 3Sergente Maggiore di Fanteria, la vita di Antonino Coppolino non è stata per nulla semplice. Nato a Santa Lucia del Mela il 12 febbraio del 1915, all’età di 25 anni, scoppiato il nuovo grande conflitto mondiale, riceve la chiamata al fronte africano. Dopo aver attraversato a piedi la Cirenaica, qui sarebbe stato colpito da un’arma da fuco alla gamba. Tornato al fronte, viene fatto prigioniero e poi deportato in India. Dopo il 1945, tornato a casa e constatata la forte crisi economica, si trasferisce con l’allora moglie proprio nell’isola di Salina. Qui lavorerà per molto tempo nelle montagne delle Eolie, contribuendo al loro futuro sviluppo.massaggio 1

Già insignito della medaglia di bronzo, di quella d’argento e della Croce al Merito, il 20 dicembre del 1972 il Sergente ha poi ricevuto dal Ministero della Difesa un diploma di onorificenza, oltre ad essere presidente da tantissimi anni dell’Associazione Combattenti e reduci di Guerra – sezione di Leni, il cui coordinatore è oggi Filippo Chiofalo (anch’egli presente all’incontro). Invitato alla festa anche il 94enne Vittorio Brundu di Malfa, reduce dall’eccidio di Cefalonia (1943) e dal campo di concentramento di Dresda, pure lui membro dell’Associazione. Impossibilitato però a recarsi sul posto, è stato rappresentato per l’occasione dal figlio Antonio.

coppolino1coppolino 2

Coppolino è apparso visibilmente commosso quando il sindaco Riccardo Gullo ha parlato della vita del centenario lenese; un’esistenza contraddistinta dal lavoro e dall’onestà, oltre al fatto di essere stato testimone dei numerosi e significativi fatti storici del secolo scorso.

Il segreto di Antonino Coppolino, che ancora oggi si dedica al giardinaggio? Aver mantenuto un’alimentazione sempre salubre, basata su ortaggi, legumi, frutta e pesce locale. Una dieta che sembra ancora oggi riempirlo di vita. «Vi aspetto il prossimo anno – ci ha tenuto a dire alla fine il festeggiato, colmo di felicità –. Vi aspetto per i miei 102 anni!». (foto di Antonio Brundu)