Guardia costiera Milazzo soccorre velisti irlandesi

Comunicato Guardia costiera Milazzo

Nella giornata di sabato 23 maggio la Guardia Costiera di Milazzo ha effettuato una attività di soccorso ad una unità da diporto a vela con a bordo due diportisti irlandesi. L’imbarcazione a vela di circa 10 metri, infatti, attraversato lo stretto di Messina, in navigazione verso il porto di Milazzo, iniziava ad imbarcare acqua obbligando i due uomini presenti a bordo a lanciare via radio un segnale di “mayday” e ad abbandonare l’unità constatato il rischio di affondamento.

Tale richiesta di soccorso veniva ricevuta dalla sala operativa della Direzione Marittima di Reggio Calabria che immediatamente la comunicava alla Capitaneria di Porto di Milazzo. Successivamente si disponeva l’intervento della motovedetta della Guardia Costiera di Milazzo CP875, che giunta sul punto dopo pochi minuti, trovava i due diportisti sulla zattera di salvataggio in attesa dei soccorsi.

Il personale militare della motovedetta, recuperati e messi in salvo i due naufraghi, saliva a bordo dell’unità da diporto, accertando che erano stati imbarcati circa 40 cm di acqua e che la pompa di sentina era insufficiente ad espellere l’acqua che continuava ad essere imbarcata. In seguito ad ulteriore ispezione lo stesso personale appurava che l’acqua entrava dall’astuccio dell’asse del timone. Provvedeva pertanto tempestivamente al ripristino dell’avaria, ad azionare la pompa di sentina per espellere l’acqua imbarcata.

Grazie al tempestivo intervento della motovedetta della Guardia Costiera, e con il supporto fornito anche via radio dalla sala operativa della Capitaneria di Porto di Milazzo, l’unità proseguiva la navigazione con il proprio motore ausiliario, scortata dalla motovedetta CP 875, giungendo all’ormeggio in sicurezza presso un approdo turistico di Milazzo.

La Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Milazzo conferma la costante presenza lungo il litorale di giurisdizione al fine di salvaguardare la vita umana in mare e per scongiurare che situazioni come quelle occorse ai due diportisti soccorsi possano comportare più gravi conseguenze.