Fermo Ustica Lines: La Sinistra sollecita iniziative legali

COMUNICATO STAMPA DE “LA SINISTRA”

lasinistrapiccolo“L’amministrazione comunale di Lipari intervenga immediatamente e con maggiore forza per scongiurare il licenziamento dei dipendenti della Usticalines e la sospensione dei collegamenti effettuati dalla compagnia”. È questa la dichiarazione del consigliere comunale de La Sinistra eoliana, Pietro Lo Cascio, a seguito dell’ennesimo annuncio diramato da Usticalines riguardo al possibile blocco dei mezzi a partire dal 7 maggio. “L’argomento dei trasporti marittimi è stato affrontato durante l’ultimo consiglio comunale, e in tale occasione il sindaco – a dire il vero, senza eccessivo ottimismo – ha spiegato di avere già avviato un’interlocuzione con la Regione.

È evidente che l’esito non debba essere stato molto proficuo, dato che una settimana dopo ci ritroviamo al punto di partenza e con il rischio di vedere le Eolie prive di collegamenti essenziali”. “La vicenda”, continua Lo Cascio, “ha ormai superato i confini delle questioni tecniche, assumendo i connotati di un problema politico: i bandi per l’affidamento dei servizi rimangono artatamente deserti, forse allo scopo di aumentare l’importo messo in gara, mentre lo stesso impianto del bando già assegnato diviene oggetto di un contenzioso che rischia di produrre un’interruzione di pubblico servizio e di produrre danni irreparabili di carattere sociale, economico e di immagine in piena stagione turistica”. Se la Regione non vuole o non è in grado di individuare una soluzione, si percorrano altre strade, sostiene il rappresentante della Sinistra eoliana: in primo luogo, la tutela del diritto alla mobilità e alla continuità territoriale, anche attraverso iniziative legali.

“Se il dialogo istituzionale non porta da nessuna parte, ritengo che l’amministrazione abbia il dovere di far valere le ragioni di una comunità su quelle chiamate in causa nell’ingiustificabile braccio di ferro che stiamo subendo, laddove a seconda delle parti si invocano quelle della compagnia che chiede il pagamento di oneri arretrati e quelle della Regione che temporeggia in virtù di un contenzioso”.

 

La Sinistra eoliana