Falsità ideologica: condannato anche l’attuale Presidente del Consiglio

Barcellona- Da fabbricati mobili montati su ruote a fabbricato adibito a civile abitazione. Cinque condanne dei giudici del Tribunale di Barcellona ( presidente Maria Celi, Processo e Alligo a latere) per falsità ideologica per una vicenda maturata a Vulcano tra il 2007 e il 2011. La pena più pesante, come riporta la Gazzetta del Sud, di due anni di reclusione, è stata inflitta al direttore dei lavori, il geom. Adolfo Sabatini, attuale presidente del Consiglio comunale di Lipari al quale , assieme al proprietario dei fabbricati trasformati in costruzione edile, Giacinto Callipo, di Pizzo Calabro, è stato attribuito il ruolo di istigatore del reato di falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in certificati in autorizzazioni amministrative.

Condannati ad un anno e due mesi l’ex dirigente dell’ufficio tecnico comunale Biagio De Vita, e ad un anno e tre mesi il proprietario della case mobili trasformate in fabbricati. Dieci mesi ciascuno al legale rappresentante dell’impresa Felicia Scaffidi e al responsabile di cantiere Vincenzo Martello.

massaggio 1