Concorsi truccati nelle Università: 40 professori indagati, anche a Catania e Messina

Sono 40 i professori indagati – delle Università di Bologna, Cagliari, Catania, Catanzaro, Chieti-Pescara, Firenze, Messina, Milano, Napoli, Padova, Roma, Trieste, Venezia e Verona – nell’operazione della Digos di Catania denominata “Università Bandita”. L’inchiesta – nell’ambito della quale 9 professori dell’università di Catania con posizione apicale, e il rettore Francesco Basile, sono stati sospesi con procedimento di interdizione dai pubblici uffici – ipotizza i reati di associazione a delinquere, corruzione, turbativa d’asta ed altro. Sarebbe stata accertata l’esistenza di 27 concorsi truccati: 17 per professore ordinario, 4 per professore associato, 6 per ricercatore.

Scattate decine di perquisizioni. Ulteriori particolari nella conferenza stampa convocata alle ore 10 alle procura di Catania.

airmax1

airmax2