Basile: “quelle analisi di Art.1 sono le nostre e non possono essere strumentalizzate”

Riceviamo da Sara Basile , in rappresentanza di un gruppo di cittadini e pubblichiamo:

Cara Ass. Art 1,

Ci fa piacere sentire che sei viva e attiva da quando sei uscita dalla maggioranza, ma non ti ammalare di “parassitosi”. Le analisi dell’acqua che stai sbandierando sono state commissionate da un gruppo di cittadini responsabili che, considerando l’acqua BENE COMUNE E FONTE PRIMARIA DI VITA per tutte le persone (di tutti gli schieramenti politici) stolte o intelligenti, si è AUTOTASSATA per analizzare le acque e non per dare in mano a chicchessia la possibilità di essere strumentalizzata anche inconsciamente.

Noi sappiamo pensare, parlare e agire. Quando tu vuoi parlare dell’acqua, fatti le tue analisi e, soprattutto, fatti spiegare quello che leggi da qualcuno competente e studia! Perché tutti quanti possono ora con internet parlare di questo o quel batterio, senza conoscere le giuste informazioni scientifiche. Noi stiamo studiando la situazione senza fare “lupo al lupo”, perché non è necessario. Questo gruppo molto ristretto di persone di Lipari, è da tutto l’inverno che ragiona sulla questione eseguendo anche delle prime analisi. Una volta ottenuti i risultati delle seconde analisi, da voi pubblicate, ci siamo confrontati e abbiamo fatto delle ricerche sul tipo di contaminazione batteriologica. Molta era la presenza ferrosa colpevole del colore giallastro delle acque che nulla ha a che vedere con il batterio “Pseudomanas Aureginosa”. L’acqua, dunque, dalle analisi datate 17/04/2015 non era più come in precedenza pericolosamente contaminata, e risultava essere migliorata dopo una “presunta” pulizia delle vasche di contenimento e un processo di clorazione. Il motivo per cui non abbiamo divulgato la notizia, era proprio per evitare che ci fosse l’allarme generale su una faccenda molto MOLTO delicata. Non volevamo farci propaganda.

La bomba ad orologeria oggi è scoppiata, ma caro Signor La Cava, non si deve ergere a salvatore della patria, con le analisi degli altri, che sul serio hanno voluto approfondire la faccenda e non sui social network, ma muovendosi in prima persona e cercando risposte da specialisti e da chi ne compete anche amministrativamente parlando. Detto ciò, il problema rimane, l’acqua è sporca e le tubature sono vecchie ed è giusto esigere la soluzione del problema. L’acqua è un bene primario. I beni primari sono diritti soggetivi che rientrano nella struttura di Hohefeld delle pretese e alle pretese corrisponde un dovere, cioè quello di risolvere la questione.

In allegato le analisi da noi PAGATE e da voi PUBBLICATE!

 2015-04 MB 89-15 Acqua potabile _trattata_ Norme ISO Lipari Sant’Anna

2015-04 MB 90-15 Acqua potabile _trattata_ Norme ISO Lipari Marina Corta Piazza Sant’Onofrio

2015-04 MB 91-15 Acqua potabile _trattata_ Norme ISO Lipari Bagnamare 2

2015-04 MB 92-15 Acqua potabile _trattata_ Norme ISO Lipari Canneto Via A. Volta(1)

2015-04 MB 93-15 Acqua potabile _trattata_ Norme ISO Lipari Sotto Monastero

2015-04 RdP 141-15 Acqua POTABILE routine interna Lipari Bagnamare 2

2015-04 RdP 142-15 Acqua POTABILE routine interna Lipari Canneto