Art.1 chiede al Sindaco la tassa di soggiorno per la continuità territoriale

“Art. 1 – Autonomia e Libertà” – Associazione politica e culturale

art.1Una amministrazione comunale che non è capace di incidere in maniera decisa e forte rispetto al problema dei trasporti è una amministrazione di politici dilettanti che meritano di essere mandati a casa.

Questa riflessione purtroppo cozza con la logica del “tozzolo di pane” di chi antepone gli interessi personali a quelli della comunità ed è per tale ragione che,pur condividendo in molti tale riflessione, nulla si muove.

Abbiamo apprezzato l’iniziativa dei consiglieri Russo e Bertè di proporre l’introduzione della tassa di soggiorno. iniziativa valida che certamente può essere ampliata e perfezionata provando ad utilizzare le risorse per fondare la vera Compagnia delle Eolie senza più dipendere da soggetti privati che fanno il bello ed il cattivo tempo a danno dell’economia locale,penalizzando l’immagine delle isole che non possono non vivere di certezze rispetto ad un argomento,quello dei trasporti,di importanza vitale per la totalità delle attività presenti sul territorio.

Volutamente non menzioniamo la necessità della “certezza del trasporto” per i tanti eoliani che fanno i pendolari perché, paradossalmente, la questione è di minore importanza rispetto al danno che si crea alla comunità nel non garantire la continuità delle corse.

Siamo stati costretti a digerire l’utilizzo di mezzi obsoleti,di corse saltate per guasti tecnici,di navi che ancora viaggiano a carbone.

Non possiamo oggi consentire a nessuno il ricatto di bloccare le corse per mancanza di fondi.

Una amministrazione forte ha l’obbligo di definire una volta per tutte questo problema e non può non farlo partendo dal principio che l’autonomia nella gestione di tale servizio rappresenta la vera garanzia per gli eoliani che è finito il tempo dei soggiorni forzati a Milazzo,è finito il tempo delle incertezze ed è arrivato il momento di uscire fuori dagli schemi e dagli inciuci.

Caro Sindaco, abbia il coraggio di portare in aula la delibera sulla tassa di soggiorno, rispolveri una delle tante partecipate in liquidazione perenne ed utilizzi gli introiti ricavati dalla tassa di soggiorno per “garantire la continuità territoriale” e se dovesse chiederci un ulteriore sacrificio in termini di nuova contribuzione, stia sereno che, in questo caso, nell’interesse del Popolo Eoliano, non ci tireremo indietro.

Il Segretario Cittadino

Alessandra Falanga

Il Presidente

Alessandro La Cava