Ancora un intervento di Ziino: ” modus operandi politica errato”, servono segnali positivi

Riceviamo da Giuseppe Ziino e pubblichiamo

Rammaricato per quanto letto in seguito ad una mia comprensibile e ben motivata osservazione, mi sento in dovere di chiarire alcuni punti fondamentali.

In primis mi rivolgo a Lei, Egregio Segretario Merlino,

giuseppe ziinochi Le scrive è un giovane eoliano che attonito continua a vedere il proprio paese sempre più depauperato, una generazione triste e confusa, senza occupazione, priva di idee e senza meta, che continua ad avere fiducia in un futuro migliore e nel prossimo, ma che comincia a perderla nel dover leggere certe asserzioni e nel dover accettare un “modus operandi” della politica errato ed incomprensibile.

In virtù di ciò si renderà di certo conto come io, da giovane osservatore della politica, non possa rimanere inerme a dichiarazioni, rese in questi ultimi mesi, a mio parere fragili e contraddittorie.

Vorrei capire perché ad un assessore, per l’opinione pubblica già da fine gennaio DIMISSIONARIO (ossia colui il quale ha presentato o è stato costretto a rassegnare le proprie dimissioni), che ha ben operato fino all’ 8 marzo 2015 (ironia della sorte festa della DONNA), non possa essere data la possibilità di continuare il suo progetto ed il suo ruolo politico-amministrativo!!!

Come vorrei del resto capire perché se le dimissioni della Dott.ssa De Luca siano esclusivamente dovute alla sua maternità, la “politica”, certamente a conoscenza di uno status che per sua natura si protrae per molti mesi, non abbia scelto preventivamente, in tempi adeguati, un sostituto con le stesse capacità, la stessa dedizione e lo stesso impegno del suo predecessore!!!

Ed è proprio su questi punti che molti, compreso me, con clamore reclamano risposte dalla politica.

A Lei Dott.ssa De Luca mi rivolgo per porgerLe le mie scuse se le mie parole hanno ferito la Sua sensibilità di Madre e Donna, tenendo a precisare che le mie osservazioni non hanno nulla di personale ma finalità prettamente politiche-amministrative, che come Lei ha affermato sono moralmente comprensibili.

Sicuramente non avrà avuto modo di leggere un precedente articolo in cui io stesso, riportando testuali parole: “conquistato dall’impegno e dalla totale dedizione con cui l’assessore in carica ha svolto il proprio ruolo politico-amministrativo, nonostante si accingesse ad essere neo mamma”, affermavo e ponevo in evidenzia le Sue indiscusse qualità.

Nello stesso articolo, nella convinzione di un progetto che andasse oltre il perimetro tradizionale della politica, esprimevo la mia opinione, da cittadino e da elettore di questa maggioranza, sulla possibilità di una rinomina di Gabriella Berzioli, anch’essa Madre e Donna, che nei mesi in cui ha svolto il ruolo di assessore ha dimostrato il Suo stesso impegno, entusiasmo e la sua stessa dedizione nel gestire la “ cosa pubblica”.

Le assicuro che con Lei (se voi tutti lo vorrete) o con il ritorno della Berzioli (consiglio a molti politicanti di riascoltare la sua prima intervista datata 30 maggio 2012) mi sentirei sicuramente più fiducioso nella politica e nel prossimo.

Infine, i miei conti agiscono da cittadino, da contribuente di questo Comune, senza ricoprire nessun ruolo tributario, pensando che in un momento di forte crisi etica, culturale ed economica del nostro territorio, sia la politica a dover tendere la mano ai cittadini, per far sì che questa non sia considerata un peso per la società, bensì un’opportunità in più su cui far leva, con piccoli gesti, che possono sembrare insignificanti o passare addirittura inosservati, ma che contribuiscono ad instaurare un rapporto di fiducia culturale, sociale e politica con gli elettori. La comunità condividerebbe sicuramente l’idea di un Consiglio Comunale che rinunciasse ai gettoni di presenza e non cercasse invece di cambiare semplicemente le modalità per la loro distribuzione.

Per ultimo, ma non per importanza, invio un caloroso saluto al mio amico, nonché Consigliere Comunale, Giacomo Biviano, intervenuto per “dovere di verità”.

Con le mie migliori intenzioni auguro in anticipo a voi tutti e famiglia Buona Pasqua.

Cordialmente

Giuseppe Ziino