Acqua, Giorgianni : ” gestione Amam è un’opportunità “

marco giorgianniLipari- Con il via libera del Consiglio comunale di Lipari all’adesione all’Ati provinciale per la gestione del servizio idrico integrato è iniziato il percorso verso la stabilizzazione di un settore portato avanti a suon di proroghe. Sarà , come stabilito dall’Ati, attraverso i sindaci, lo scorso luglio, l’Amam di Messina il gestore in virtù, come previsto dalla legge, del 25% minimo del bacino d’utenza già servito; anche il Comune di Lipari, come tutti quelli del comprensorio dovrà acquistare una quota del capitale sociale per farne effettivamente parte.

In un momento storico,  in cui sono ormai pronti i depuratori di Lipari e Vulcano- ha dichiarato il sindaco Marco Giorgianni- stiamo anticipando i tempi per la gestione della dissalazione, distribuzione e depurazione con una struttura provinciale che avrà una base a Lipari, con personale del posto. Quando il sistema sarà a regime, dopo l’approvazione del piano d’ambito e di una convenzione che regolerà i rapporti del Comune con Amam e viceversa, pagheremo il servizio con una tariffa calcolata su base provinciale che sarà, probabilmente, più conveniente rispetto a quella attuale. Perchè abbiamo anticipato i tempi e non abbiamo aspettato la redazione del piano d’ambito ? Primo, perchè ci aspettiamo da un momento all’altro che i depuratori debbano funzionare e secondo per l’aspetto economico. Dal 1° gennaio, infatti, la fatturazione spetta all’Amam e non saremo obbligati come Comune a prevedere in bilancio il fondo di dubbia esigibilità per le somme non incassate. Un fondo da prevedere per un milione. Se si considerano, anche i debiti fuori bilancio , non prodotti da questa Amministrazione, e notificati negli ultimi venti giorni per un altro milione di euro non avremmo potuto chiudere il bilancio senza aver aumentato almeno l’Imu.  Il via libera del Consiglio comunale ad un obbligo di legge che poteva essere formalizzato anche tra qualche mese, pertanto- conclude il Sindaco- è stato importantissimo. In sintesi : aderiamo alla gestione unica per tutta la provincia e per il cittadino non cambierà nulla in termini di costi fino a quando non sarà fatta la tariffa unica su base provinciale. E quando ci sarà la tariffa unica, probabilmente, per i nostri cittadini sarà più bassa di quella attuale”.

 

Consiglio comunale, acqua: via libera al passaggio di consegne, Pellegrino assente