Accordo raggiunto: la Grecia non esce dall’Euro

“Accordo raggiunto all’unanimità sulla Grecia e i creditori”. Dopo 17 ore di negoziato, in quello che passerà alla storia come il vertice dei capi di Stato europei più lungo, è stata evitata la Grexit. Le borse e i mercati corrono, dopo mesi di preoccupazione. Anche lo spread Btp-Bund festeggia e precipita.

Finalmente è arrivato l’accordo. Il presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk: ‘Sulla Grecia accordo all’unanimità, pronti per Esm’. “L’accordo è stato raggiunto all’unanimità, tutto pronto per andare a programma Esm con riforme serie e sostegno finanziario”: così il presidente del Consiglio Ue Donald Tusk su twitter.

“Dopo 17 ore di negoziato abbiamo raggiunto un accordo per avviare negoziati sugli aiuti Esm con rigide condizioni”: lo ha detto il presidente Tusk, precisando che ora i ministri delle finanze dovranno decidere “con urgenza come aiutare la Grecia con un finanziamento ponte”.

Juncker, evitata la Grexit, era nostro primo obiettivo – “Abbiamo evitato la Grexit, obiettivo per il quale ci siamo sempre battuti”. Così il presidente della Commissione Ue Jean Claude Juncker al termine della maratona del Vertice Ude. “Non credo sia un accordo umiliate per i greci, e non credo che altri europei perderanno la faccia, è un tipico accordo europeo”, ha affermato Juncker.

Dijsselbloem,ok a fondo che privatizza asset – L’accordo sulla Grecia prevede la creazione di un fondo che “privatizzerà asset di Stato per realizzare profitti, e servirà ad abbattere il debito e alla ricapitalizzazione delle banche”. Lo ha detto il presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem. Ora il parlamento greco deve legiferare molto rapidamente. “C’è ancora molto da fare”, ha sottolineato Dijessebloem.

L’Eurosummit sulla Grecia, iniziato alle 16 di ieri, entrerà negli annali della storia europea come il vertice dei capi di Stato più lungo. Secondo diverse fonti, ha battuto il vertice di Nizza del 2000, che finora deteneva il record. Al momento i leader sono riuniti da oltre 16 ore.