Vulcano, La Sinistra denuncia scempio pantano

Comunicato

Mentre il 2 febbraio in tutto il pianeta si celebra la Giornata mondiale dedicata alla salvaguardia delle aree umide – laghi, fiumi, lagune, paludi, torbiere – a Vulcano le ruspe stanno cancellando l’ultima zona umida che ancora sopravvive nella Zona a Protezione Speciale ITA030044 e nel Sito Unesco delle Isole Eolie. Il paradosso, però, non si ferma qui: quello che sta accadendo è frutto di un progetto realizzato da una società – la Sogesid – direttamente controllata dai ministeri del Tesoro e dell’Ambiente, e gestito con i poteri emergenziali di un commissario – l’avvocato Pelaggi – che allo stesso tempo è funzionario di quest’ultimo dicastero. Come è possibile che questo scempio stia avvenendo con un finanziamento pubblico, ossia con soldi stanziati dallo stesso Stato che dovrebbe garantire – nel rispetto delle direttive comunitarie – la tutela dell’ultimo ambiente umido esistente nell’isola e nell’intero comprensorio eoliano?

È possibile perché chi ha redatto lo Studio di Impatto e di Incidenza Ambientale – firmato dall’ingegnere Carmelo Sottile – ha accuratamente evitato di segnalare la presenza del pantano che esiste nell’Istmo tra Vulcano e Vulcanello, classificato come “habitat prioritario” con il codice 1150 nella Direttiva 43/92 dell’Unione Europea, ed anche perché chi doveva verificare la veridicità dello Studio – l’Assessorato Territorio e Ambiente della Regione Siciliana – non ha mosso alcuna obiezione in merito agli interventi previsti dal progetto che avrebbero coinvolto il luogo, come se ne ignorasse l’esistenza. È ovvio che la Regione disponesse di tutti gli strumenti necessari per confutare le affermazioni false contenute nello Studio, per esempio quel Piano di Gestione dei Siti Natura 2000 dove l’importanza del pantano viene sancita a chiare lettere. Ma non lo ha fatto, concedendo le autorizzazioni ambientali senza proferire parola sul pantano, e ciò appare francamente incomprensibile.

A pochi metri da un habitat prioritario, dunque, una vasca di sollevamento liquami del realizzando depuratore – stando a quanto affermato nello Studio – non produrrà alterazioni ambientali, né disturbo alla fauna, né infine alcuna riduzione al valore conservazionistico del sito: tutto ciò, semplicemente, perché in questo Paese basta scrivere una falsità per trasformarla in uno stato di fatto.

Ma la realtà è ben diversa. La vasca rischia di pregiudicare le caratteristiche naturali del luogo, sottraendo spazio alle dune di sabbia, ai canneti che offrono riparo agli uccelli durante le migrazioni o nel periodo invernale, ma soprattutto di interferire con il corpo idrico del pantano, cancellandone irrimediabilmente ogni traccia in pochi anni. Dove non era riuscita l’espansione urbanistica e turistica di Vulcano, che – pur sviluppandosi in maniera caotica – aveva comunque risparmiato questo piccolo gioiello della natura, arrivano le ruspe del depuratore.

Di fronte a questo scempio, sorgono due quesiti. Il primo è: poteva essere scelta una diversa collocazione per la vasca di sollevamento? La risposta è si: lo si sarebbe potuto fare se, piuttosto che un progetto confezionato e approvato in regime di emergenza, avessimo percorso le vie ordinarie, avviando una fase di reale concertazione dove tutti i soggetti interessati avrebbero potuto esprimere le proprie valutazioni.

Rispondere alla seconda domanda è invece più difficile: qualcuno pagherà per avere omesso la realtà dei fatti, per non avere operato come dovrebbe fare un organo di controllo, per avere rilasciato con troppa fretta e troppa facilità l’autorizzazione a compiere uno scempio ambientale? Qualcuno pagherà per avere cancellato l’ultima zona umida di un arcipelago dichiarato Patrimonio dell’Umanità?

Pietro Lo Cascio

consigliere comunale de La Sinistra eoliana