Spadaro : il cordoglio dell’Amministrazione, di Iacolino, Costa, Subba, Circolo pensionati, Ziino

di Marco Giorgianni

In un momento storico di emergenza e grande difficoltà, la nostra comunità è provata da una più grande sofferenza per la scomparsa del Dott. Gino Spadaro, cittadino emerito del Comune di Lipari, medico stimato e apprezzato che ha guidato eccellentemente per anni il nostro ospedale e la nostra sanità, persona di straordinaria umanità, sostegno, certezza e conforto per tanti di noi.
L’autentica e commossa gratitudine per averlo avuto nella nostra comunità permanga, tuttavia, al di sopra del profondo dolore, acuito da una lontananza obbligata che ci nega l’ultimo saluto.
Simbolicamente ci stringiamo in un grande abbraccio attorno a Rosanna, Anna, Amalia e Sonia e alla famiglia tutta, a cui vanno le più sentite condoglianze del Sindaco, dell’Amministrazione, del Presidente e del Consiglio Comunale e di tutta la cittadinanza eoliana.

di Gianni Iacolino

È notizia di poco fà la scomparsa del Dott. Gino Spadaro. È stato la colonna portante di un piccolo ospedale che grazie al suo impegno ed alle sue capacità , da infermeria si trasformò in  vero ospedale ,adeguato a soddisfare le esigenze della nostra collettività eoliana. Erano altri tempi, è vero. Ma eravamo in tre. Il primo a lasciarci prematuramente fu il Dott. Ciccino Sipione , oggi il Dr. Spadaro. Quanto lavoro svolto insieme e quante situazioni difficili affrontate, quante storie da raccontare ,quante situazioni estreme risolte grazie ad una volontà che, spesso , sfidava la temerarietà. Non dimenticherò mai le volte in cui fui costretto a prelevare il suo sangue , e lui il mio, per affrontare situazioni di emergenza; eravamo sforniti di emoteca . Ho ancora impressi nella mente i momenti di tensione che offuscarono i nostri rapporti. Nonostante tutto mai è venuto meno il mio senso di riconoscenza nei suoi confronti . Ricordo quando mi telefonava con insistenza perché lasciassi la Rianimazione dell’Ospedale di Cremona, dove prestavo servizio, perché Lipari aveva bisogno di un servizio di anestesia adeguato. Era il 1973. Riuscì a convincermi e da lui imparai tanto , anche il senso del dovere che va al di là di quanto previsto dal contratto di lavoro. Un kamikaze del lavoro, una furia irrefrenabile quando si convinceva di un’idea da portare a compimento. Tutti lo ricordiamo così.

di Antonino Costa

Gino Spadaro non c’è più.  Il medico-chirurgo, severo ma allo stesso tempo affabile, che per lunghi anni ha guidato l’ospedale di Lipari, lascia un vuoto incolmabile e un  caro ricordo tra gli amici che si è saputo conquistare. Personalmente mi ha salvato la vita nel 1978 (insieme al dottor Ezio Saltalamacchia) e da allora la nostra amicizia è stata sempre più forte. Ricordo che quando andavo a visita in ospedale, lo trovavo nella sua stanza con trattati di medicina sempre aperti sulla scrivania, perché era un infaticabile studioso. E ancora mi torna in mente la sua gioia durante una cena fra amici rotariani, per festeggiare i suoi novant’anni, nel novembre del 2018…

Buon viaggio Gino, riposa in pace.

di Peppuccio Subba

Con la dipartita del dottore Giovanni Spadaro gli eoliani hanno perso l’uomo simbolo della sanità eoliana. Gino (così era conosciuto) ha dedicato la sua intensa attività professionale per la tutela della salute degli abitanti e dei turisti delle nostre isole. Quando giunse a Lipari capì, chiaramente, quali erano i bisogni sanitari degli isolani. Nel tempo, con la collaborazione del compianto dottore Ciccino Sipione e del dottore Gianni Iacolino, riuscì a trasformare la semplice infermeria in un vero ospedale con quattro reparti e vari servizi (dialisi, camera iperbarica ecc.). La sua specializzazione era la chirurgia ma non esitò a svolgere, per lungo tempo e con successo, le funzioni di ginecologo, ortopedico ecc. E’ stato uno splendido modello di impegno, di operosità e di umanità. Con i pazienti e con qualsiasi interlocutore si poneva sempre con modestia e semplicità. Andandosene ha lasciato nelle Eolie un vuoto che solo il ricordo può aiutare, in parte, a riempire.

Grazie Gino, Ti salutiamo con affetto e riconoscenza.

Adriana, Peppuccio, Daniela e Francesco Subba.

di Pino Ziino

Il Presidente e il Direttivo e tutti i soci del Circolo Pensionati ” Gisabella” di Lipari, commossi, si associano al dolore della famiglia Spadaro per la scomparsa del dott. Gino , socio fondatore del Circolo

Con la scomparsa del dott. Gino Spadaro, con il quale ho condiviso un leale percorso politico – amministrativo, va via una persona perbene, un medico di grande spessore e professionalità a cui tutta la comunità deve essere grata.

Incontrarsi era una grande e reciproca gioia, un inno alla vita che ci aveva dato tanto.

Rimane per tutti, un simbolo di impegno ed umanità.

Questo il mio ricordo, Carissimo Gino.

Ai suoi cari, con in testa la gentile Sig.ra Rosanna, un caloroso, sentito e commosso abbraccio.

Giuseppe Ziino e famiglia

Share