Risparmi, Sidoti critica l’ipotesi del dirigente Subba

Riceviamo da Angelo Sidoti e pubblichiamo

Angelo Sidoti
Angelo Sidoti

Mentre il tempo trascorre inesorabilmente e l’amministrazione continua ad accendere ceri nella speranza che arrivi la grazia o il miracolo, il ragioniere generale si esercita a sperimentare propri criteri di spending review evidenziando anche i conseguenti benefici. Forse alcune volte confonde il suo ruolo di dirigente con quello del politico? Mi colpisce in particolare la sua attenzione agli effetti “collaterali” del minor afflusso di auto e traffico veicolare. Insomma supplisce nel ruolo all’Assessore alla viabilità o funge da Assessore aggiunto o supplente.

Non parliamo poi del risparmio di 30k scaturente da minori ticket e dalla riduzione di consumi di energia elettrica. Con questo aggiustamento diventiamo tutti ricchi ma soprattuto copriamo il deficit di cassa comunale il cui importo resterà sempre e comunque segregato nelle stanze dello stesso ragioniere, dell’Assessore e del nostro Sindaco.

Personalmente trovo pericoloso incidere sui buoni pasto ma i sindacati sicuramente sapranno ribattere sull’argomento.

Sul rientro penso che nella giornata non dedicata al ricevimento il personale non si gratta i pollici ma bensì lavora. O sbaglio?

A questo punto dovremmo rispolverare il cavallo di battaglia di questa amministrazione ovvero l’indirizzo politico della macro struttura comunale. Penso ai carichi di lavoro, ai risparmi etc etc. Ma lasciamo perdere…

Invece per l’energia elettrica come azione correttiva perché non proponiamo l’uso di candele o di lampade a petrolio? Tanto ormai e’ prassi di questa amministrazione vivere nella speranza di…..(alcuni mesi fa da me definita amministrazione in attesa di…).

Mi rendo conto che e’ “difficile” incidere invece sulla fascia alta delle retribuzioni dove il totale può essere così suddiviso: per il 53% circa dalla paga base, il 40% circa da indennità fissa di posizione ed il 7% circa dalla parte variabile (dati medi).

Attendiamo le riflessioni dei sindacati ed anche del Nucleo di Valutazione o OIV. A proposito quest’ultimo organo e’ stato nominato?

Ps: Vorrei dire a chi tanto esalta e decanta la posizione di privilegio in cui ci troviamo noi cittadini delle Eolie in quanto beneficiari della minore tassazione fiscale nazionale (magari dimostrandola con dati oggettivi) di comunicarci anche quanto sono i comuni d’Italia che alla data odierna non hanno approvato il rendiconto preventivo del 2013 e che hanno un livello così basso di riscossione e di recupero dell’evasione.

Ricordo a tal proposito la delibera n.111 del 28/12/2012 dove veniva fissato da questa amministrazione su proposta del servizio tributi un obiettivo per il 2013 dell’1% di miglioramento (dico l’uno per cento) rispetto a quanto registrato nel 2012.