Rifiuti, Lo Cascio: occorre un piano d’ambito utile alla comunità

Domani alle 10,00 il Consiglio comunale. Critico anche Casilli

Pietro Lo Cascio
Pietro Lo Cascio

Lipari- “Auspico ancora che venga portato in Consiglio comunale un piano d’ambito diverso da quello visto in commissione, identico al precedente, che per la popolazione, al di là dei bilanci in attivo dell’Ato, non ha avuto ricadute in considerazione dei risparmi che si potevano e si possono produrre sul servizio e per le tasche dei cittadini”. Lo ha dichiarato al Giornale il consigliere de La Sinistra eoliana, Pietro Lo Cascio. Domani il consesso civico tornerà a riunirsi, alle 10,30, su “ Problematiche Ato e servizi rifiuti , nuova SRR previsione costi e piano d’ambito”. “ Nel piano d’ambito portato in Commissione – ha aggiunto Lo Cascio- si decideranno le linee fondamentali della gestione del servizio e c’è un filo di continuità, preoccupante, con la gestione precedente. Non si possono reiterare gli stessi sistemi che non funzionano. Il Sindaco, poi- ha concluso Lo Cascio- ha dichiarato in Commissione che non è tenuto a discutere il Piano con eventuali portatori di interesse e che basterà il confronto in Consiglio comunale che, sulla questione, può fornire solo un parere non vincolante. Sulla questione Piano d’ambito si registra anche la critica posizione del consigliere Antonio Casilli. Il mese scorso in una interrogazione al Sindaco e al Commissario regionale per gli atti sulla SRR ha chiesto di conoscere come e quando vengono pesati i rifiuti che dalle Eolie vengono trasferiti sulla terraferma. Una interrogazione che traeva spunto da quella presentata dal deputato regionale Filippo Panarello sulle consulenze esterne affidate da diversi comuni messinesi per la redazione dei piani di intervento nonostante si tratti di compiti che i comuni possono fare a “costo zero” utilizzando le strutture degli Ato, adesso transitate alle SSR. Casilli, in considerazione del fatto che la società Ato Eolie in liquidazione ha redatto con Scuola Agraria del Parco di Monza un progetto sperimentale per la gestione dei rifiuti solidi urbani e differenziati delle isole Eolie con quell’interrogazione chiedeva chiarezza. Casilli aveva anche chiesto di conoscere per quanto riguarda la differenziata le percentuali raggiunte e come e quando avviene la pesatura dei rifiuti che attraverso la nave dei rifiuti raggiungono Milazzo e quindi la discarica.