constitutum9 maggio 1095

Il constitutum

 Come amava scrivere Luigi Bernabò Brea In vari momenti le Isole Eolie hanno avuto nella storia e nell’economia del Mediterraneo occidentale un’importanza di gran lunga superiore a quello che la ristrettezza del loro territorio e il numero dei loro abitanti potrebbero far supporre.”

Le vicende relative all’occupazione araba ed alla successiva “liberazione” da parte dei Normanni possono apparire avvenimenti lontani, interessanti soltanto per gli studiosi e gli amanti della storia, ma non a Lipari. Le concessioni normanne all’abate Ambrogio nel 1088, soprattutto per la proprietà dei terreni pomiciferi, diedero l’avvio, già nel corso del 1888 e successivamente nel 1911, ad una lite di ampia risonanza tra la Mensa Vescovile ed il Municipio che ha visto il fronteggiarsi di giuristi e storici di grande valore per oltre un ventennio, apportando un contributo importante alla storia medievale delle Isole Eolie (vedi 29 aprile).

Il Vescovo sosteneva che tutti i terreni pomiciferi erano di proprietà della Mensa Vescovile, per concessione normanna, di carattere allodiale, cioè, di proprietà piena e assoluta da parte del beneficiario, mentre i legali del Comune di Lipari sostenevano la tesi della natura feudale, contemplante il solo godimento dei diritti e degli utili che ne derivavano, esclusa l’acquisizione perpetua della proprietà, tesi risultata alla fine vincente.

Ancora qualche anno fa lo status giuridico dei terreni pomiciferi, soggetti all’uso civico di cavar pomice, hanno alimentato scontri e polemiche per la proprietà di dette aree.

 

Oggi riproponiamo il “constitutum” dell’Abate Ambrogio

 

Nel nome del Signore Nostro Gesù Cristo: io Ambrogio , abate del Monastero … frati  che  al presente sono … alcuni nomi qui seguono … Sigulfo, W. Ponzio, Si … Gilberto … Vig … di costoro e di altri uomini …, io predetto Abate legittimamente ho ordinato che tutti gli uomini, che in atto trovasi a Lipari e che domandano alla fraternità nostra se essi e i loro eredi siano per sempre esenti da tributi e prestazioni di servizio, tengano in perpetuo, essi e i loro eredi, la terra che io do o i miei successori daranno. Ma a questa condizione : che ciascuno nel settore in cui lavora – in terra o in mare o in altre attività – versi le decime a Dio e a San Bartolomeo.

Stabilisco altresì che, se uno viene con l’intenzione di dimorare e risiedere per tre anni e poi vuole andarsene, abbia la facoltà di vendere legittimamente questa terra agli abitanti del luogo, o di donare tutto ciò che possiede. Ed egualmente, chi soggiorna per un anno avrà la  facoltà di vendere la casa, la vigna (piantata), la cisterna ed altrettali cose, eccetto la terra che gli fu data ai fini del suo  stanziamento qui.

Questa carta è stata scritta il 9 maggio, nell’anno dell’Incarnazione del Signore 1095, Indizione VII. Se qualcuno avesse intenzione di contravvenire a questi ordinamenti, sia anatema. Maranà tha. (Signore, Vieni!).

Di questa decisione sono testimoni: Alberto visconte, Giovanni, fratello dell’Abate, Giovanni guardiano del Castello, Sterino figlio di Durante, Durante Cardone, W. Di Romania, Martino camerario.

+ Signum Ambrosii abbatis (traduzione Giuseppe Iacolino)

 

Quali furono i motivi che spinsero l’abate Ambrogio ad emanare questa carta costituzionale?

Il constitutum era una sorta di statuto o patto preliminare sulla cui base si sarebbero dovuti successivamente formulare i singoli contratti agrarii.

Il documento rappresenta una forma di “promozione  pubblicitaria” per incentivare la popolazione della vicina Sicilia a trasferirsi a Lipari per  incrementare la popolazione residente.

I doveri dei coloni? Si possono restringere essenzialmente a due:

periodico versamento a Dio e a San Bartolomeo delle decime dei prodotti agricoli e della pesca;

l’obbligo (anche se non specificato) di prendere le armi nella deprecata eventualità di un’incursione che giungesse dal mare.

In pochissimi anni, alla popolazione indigena di Lipari, che parlava ancora il greco, ed erano concentrati nella conca di “Chianu a Reca” Piano Greca (precedentemente chiamata Vulcanello) si affiancano i nuovi arrivati portando la popolazione ad un complessivo di circa mille abitanti intorno all’anno 1100.

Nel corso del 1995, nella ricorrenza dei 900 anni del Constitutum, i quattro Comuni delle Isole Eolie dedicarono una settimana (dal 5 al 9 maggio) di celebrazioni, la prima “Festa di Maggio”. Un grande appuntamento culturale e turistico per riscoprire le Eolie di cui ancora sentiamo la necessità.

 

Per approfondimenti vedi:

comunitasGiuseppe Iacolino, La fondazione della Communitas Eoliana, agli albori della Rinascenza, (1095 -1 995) Aldo Natoli Editore, Lipari, 1995.

Dal “constitutum” alle “controversie liparitane” le chiavi di lettura della storia eoliana nell’ultimo millennio, a cura di Umberto Spigo, Angelo Raffa e Marcello Saija, Quaderni del Museo Archeologico Regionale Eoliano, Messina, 1998.

Vincenzo Consolo, Constitutum: Lipari e le Eolie, Edizioni del Centro Studi, Lipari, 2006.

 

Bozza automatica 101
Annuncio creato il 5 Marzo 2021 18:01