Pdg sito Unesco, Legambiente offre aiuto

Lipari- Lettera del presidente di Legambiente Lipari Pino La Greca al Sindaco di Lipari

Pino La Greca
Pino La Greca

Oggetto: Piano di Gestione del sito Unesco delle Isole Eolie

Signor Sindaco,

ho appena terminato di ascoltare l’intervista del prof. Aurelio Angelini,( clicca qui per l’intervista) secondo il quale il “mancato avvio della gestione del sito è un segnale abbastanza forte che va nella direzione di una eventuale esclusione dell’arcipelago dalla lista dei siti patrimonio dell’umanità Unesco “ e non le nascondo le mie preoccupazioni in merito, avendo, quale assessore del tempo, contribuito all’ottenimento di tale titolo di portata mondiale per le nostre Isole.

Sulla vicenda, come Lei sa, ho sempre dato la massima disponibilità sia all’assessore Federica Masin, sia all’assessore Roberto Cuccia, per il quale ho predisposto una apposita relazione, inviata il 22 giugno 2013, che pongo alla Sua attenzione oggi.

***

Premessa

Nel dicembre del 2000 l’UNESCO ha deliberato l’inclusione delle isole Eolie nella World Heritage List. I Siti della WHL vengono riconosciuti e dichiarati dall’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità in ragione del loro valore universale eccezionale e della sussistenza delle condizioni e garanzie di integrità conferite dalle legislazioni e dagli strumenti di salvaguardia. La delibera relativa alle Isole Eolie è giunta dopo sei anni di istruttoria e grazie alla valutazione effettuata dall’IUCN (International Union for the Conservation of Nature and Natural Resources).

Stato di Fatto

Di fronte ai ritardi ed alle omissioni dell’amministrazione pro-tempore del Comune di Lipari, nel corso dell’anno 2006, la Regione Siciliana, per evitare il rischio concreto della cancellazione delle Isole Eolie dalla Heritage List dei siti Patrimonio dell’Unesco, decide di realizzare il Piano di Gestione del Sito Unesco delle Isole Eolie, incaricando dello stesso il Prof. Aurelio Angelini di Palermo.

Con deliberazione della Giunta regionale n. 113 del 5/4/2007 viene istituita la“Fondazione UNESCO Sicilia” con sede presso l’Assessorato regionale ai BBCC.

Nel corso dell’anno 2007 vengono indette diversi incontri, rispettivamente il 16 ottobre 2007 – e, a seguire, il 14 novembre 2007 e il 21 dicembre 2007 – presso la sede dell’assessorato dei Beni Culturali e ambientali e della Pubblica Istruzione cui hanno partecipato, oltre al Prof. Aurelio Angelini – coordinatore del progetto di redazione del Piano di Gestione isole Eolie – gli esperti del Gruppo di Lavoro, i rappresentanti regionali dell’assessorato BB.CC. dell’Ufficio di Gabinetto, del Patrimonio UNESCO e del Servizio Tutela del Dipartimento Beni Culturali e ambientali, nonché le forze istituzionali rappresentative dei comuni eoliani: − il sindaco di Lipari; − il sindaco di Santa Marina Salina; − il sindaco di Leni; il sindaco di Malfa. Infine, in data 10 gennaio 2008, è stato presentato il Piano di Gestione delle isole Eolie presso la Fondazione del Banco di Sicilia a Palermo.

Entro il 15 di gennaio 2008 tutti i soggetti interessati hanno potuto presentare osservazioni al PdG e alcune di queste – compatibili con la filosofia del Piano- sono state assorbite nel testo finale.

In data 14 gennaio 2008 si tiene un incontro indetto dall’amministrazione con la popolazione ritenuto dallo stesso sindaco “deludente” per la scarsa partecipazione (circa 50 persone in tutto, fra consiglieri comunali ed assessori).

Soltanto in data 17 gennaio 2008, nel corso della seduta del Consiglio Comunale avente ad oggetto: “Piano di Gestione del sito Unesco Arcipelago delle Eolie”, il sindaco pro-tempore di Lipari legge in aula le osservazioni presentate dall’Amministrazione Comunale al suddetto piano, in riscontro alla nota 2484 del 11.01.2008 dell’assessorato Regionale ai BB.CC.AA., che invita a fare pervenire entro le ore 14,00 del giorno 15 gennaio 2008 le eventuali osservazioni.

Il consiglio comunale di Lipari con deliberazione n. 5 del 18 gennaio 2008, rigetta il suddetto Piano, senza tuttavia un reale confronto all’interno della comunità eoliana, nonostante, un anno di discussione presso l’Assessorato Regionale.

L’amministrazione pro-tempore, successivamente, viene convocata il 12 marzo dello stesso anno presso l’assessorato dei BB.CC.AA. con l’istituzione di un tavolo tecnico permanente.

Il 20 maggio 2008 il tavolo tecnico permanente trasferisce al Comune di Lipari il Piano di Gestione revisionato e nel contempo viene chiesto un formale atto amministrativo di presa visione ed accettazione del P.d.G.

L’amministrazione pro-tempore, nel corso dello stesso anno deliberava di:

1. Di condividere il Piano di Gestione del sito Unesco “Isole Eolie” così come revisionato e pervenuto al Comune di Lipari da parte dell’Assessorato Regionale dei BB.CC.AA. – Dipartimento Beni Culturali, Ambientali ed E.P. – servizio tutela ed acquisizioni – U.O. XXVIII – Patrimonio Unesco, giusta nota prot. N. 50759 del 20.05.2008;

2. (omissis)

3. Di manifestare l’intendimento di istituire un Consorzio tra i Comuni Eoliani, quale ente gestore del sito Unesco.

4. Di dare atto che alla Fondazione Unesco della Regione Sicilia sarà attribuito un preminente compito di valorizzazione, promozione e monitoraggio del sito Unesco “Isole Eolie” così come concordato con l’Assessorato Regionale dei BB.CC.AA. e riportato nel nuovo Piano di Gestione in argomento.

5. Di dare atto, altresì, che la realizzazione della nota portualità nell’isola di Lipari sarà sottoposta alle procedure della normativa vigente in materia.

6. Di confermare, relativamente all’elemento della biodiversità (valori naturali), quanto concordato in sede di revisione del Piano di Gestione con l’assessorato in parola, come da testo definitivo del documento de quo (pag. 428).

Ulteriore specificazione l’amministrazione pone in sede di approvazione, “auspicando che l’aviopista ove non fosse possibile realizzarla nel sito indicato dal P.R.G. possa comunque trovare allocazione in altra parte del territorio del Comune di Lipari; precisa, inoltre, che per quanto riguarda l’impiego dei lavoratori della pomice gli stessi possano essere utilizzati oltre che per il museo Regionale Bernabò Brea anche nelle aree archeologiche di Panarea e Filicudi, nonché negli antichi sentieri di valore storico antropologico”

***

A nostro parere occorre procedere su due livelli:

a) Il livello di indirizzo politico per il consiglio comunale e la giunta;

b) Il livello amministrativo.

Sotto l’aspetto dell’indirizzo politico riteniamo che il consiglio comunale, anche se a distanza di diversi anni, debba Prendere atto del contenuto del Piano di Gestione del Sito Unesco così come approvato dall’Assessorato BB.CC.AA. di Palermo, rilevando la non necessità di apportare modifiche tecniche o normative al Piano di Gestione del sito Unesco delle Isole Eolie.

Di dare mandato all’amministrazione perché provveda a porre in essere gli atti e gli adempimenti scaturenti dal Piano di Gestione, ai fini dell’attuazione, controllo e monitoraggio del Piano di Gestione del sito Unesco Isole Eolie. In questa sede sarà possibile introdurre e discutere eventuali integrazioni e/o aggiornamenti.

Anche la Giunta Municipale deve prendere atto ed approvare il contenuto del Piano di Gestione del Sito Unesco così come approvato dall’Assessorato BB.CC.AA. di Palermo; puntualizzando che la delibera annulla e sostituisce quella precedentemente votata dall’amministrazione precedente per una serie di chiari motivi:

a) Non occorre costituire una ulteriore società mista o riconvertirne una esistente per evitare di appesantire il bilancio comunale ma delegando all’ufficio Piano la gestione del Piano;

b) La sostanziale bocciatura del progetto originariamente presentato dalla Lipari Porto e la sostanziale bocciatura del progetto approvato dall’amministrazione pro-tempore nel corso del 2012;

c) La cancellazione dal PRG, da parte della Regione Siciliana, a seguito della valutazione d’incidenza negativa, dell’aviosuperficie di poggio dei funghi nell’isola di Lipari.

L’iter amministrativo

Contrariamente a quanto richiesto dall’amministrazione pro-tempore del Comune di Lipari con la deliberazione sopra riportata, il Piano di Gestione del Sito Unesco, nella parte VI “attuazione, controllo e monitoraggio del Piano di Gestione del sito UnescoIsole Eolie”, al Capitolo 2 “L’attuazione del Piano di Gestione Isole Eolie” specificatamente prevede:

1 Strumenti di attuazione del piano

Dal punto di vista operativo si rivela opportuno operare su tre livelli correlati, il primo relativo alle complementari attività di esecuzione delle azioni previste dai diversi progetti del Piano, mentre le ultime due inerenti allo specifico svolgersi delle periodiche opere di monitoraggio e controllo dello stato dell’arte delle proposte avanzate:

1. l’impostazione degli strumenti di attuazione del piano;

2. verifica dello stato di avanzamento dei singoli progetti di intervento selezionati ed eventuale raggiungimento degli obiettivi;

3. verifica dell’efficacia del Piano e rilevazione dell’impatto di medio e lungo termine sul territorio.

Comitato Guida

Il primo livello della struttura di attuazione del Piano di Gestione del sito UNESCO isole Eolie, potrebbe essere una sorta di “Comitato Guida” in cui siano rappresentati i decisori politici (tra questi i sindaci dei comuni interessati) e le istituzioni portatrici di interessi e le cui attività vadano sostanzialmente a coincidere con il ruolo svolto – in questo ambito – dalla Fondazione UNESCO Sicilia.

Tale comitato potrà:

• verificare l’effettivo avanzamento del piano;

• fornire gli indirizzi per la prosecuzione del processo di gestione;

• concordare le priorità per lo sviluppo delle singole parti del piano;

• assicurare l’adeguato stanziamento delle risorse che le singole amministrazioni coinvolte dovranno mettere a disposizione e individuare altre forme di finanziamento anche con il coinvolgimento dei privati;

• valutare i rapporti relativi al monitoraggio e prendere le conseguenti necessarie decisioni per la prosecuzione del processo di gestione.

Gruppi di lavoro

Le decisioni di carattere più tecnico potrebbero essere affidate ad uno o più Gruppi di lavoro (sia soggetti privati, sia associazioni di tutela del territorio) che, coordinati dalla Fondazione UNESCO Sicilia, potrebbero avere i seguenti compiti:

• decidere un programma di lavoro condiviso;

• coordinare le singole attività del piano;

• assicurare il supporto tecnico all’esecuzione delle attività previste dal piano, seguendone i vari iter;

• suggerire soluzioni per rimuovere eventuali difficoltà che sorte;

• definire ulteriori utili azioni o progetti, anche alla luce delle informazioni emerse nel corso dei lavori, al fine di raggiungere gli obiettivi posti dal Piano di Gestione UNESCO per il sito in questione.

Centro di coordinamento

Infine si rende necessaria un’azione di coordinamento e di supporto organizzativo alle diverse strutture interessate e coinvolte nell’attuazione dei programmi di azione elaborati nel Piano.

Concludevo la relazione augurandomi che : Alla luce delle previsioni del PdG il primo atto da porre in essere è quello di convocare il “Comitato Guida” e predisporre un protocollo d’intesa tra tutte le amministrazioni coinvolte. (vedi allegato 001).

Le ribadisco La nostra disponibilità a collaborare con la Sua amministrazione per concludere positivamente questa fase di avvio del Piano di Gestione del Sito Unesco e resto in attesa di un Suo riscontro.

Cordiali saluti

Il Presidente del Circolo Isole Eolie

Giuseppe La Greca