Milazzo: Uomo in mare con auto, il soccorso

Comunicato Guardia Costiera- Capitaneria di Porto Milazzo

unnamedFine settimana impegnativo per i militari della Guardia Costiera di Milazzo.

Infatti nella giornata di ieri domenica 19 gennaio, alle ore 16:40 circa la sala operativa della Guardia Costiera di Milazzo ha ricevuto una segnalazione in merito alla presenza di una persona giacente sulla banchina denominata “Molo Marullo” del porto di Milazzo. Prontamente intervenuti i militari della Guardia costiera hanno constatato che il soggetto si trovava riverso sulla banchina in stato di ipotermia; pertanto lo stesso veniva tempestivamente affidato alle cure mediche del personale del 118, preventivamente allertato dalla Capitaneria di Porto. Successivamente si è accertato che il malcapitato era caduto in mare con il proprio autoveicolo, in prossimità della radice del molo Marullo.

Al fine di accertare che non vi fossero altre persone coinvolte nell’incidente e per il recupero dell’autoveicolo, sono state avviate immediatamente le attività pattugliamento di tutto lo specchio acqueo interessato all’interno del porto e di ispezione del veicolo sommerso tramite intervento del 3° Nucleo Subacqueo della Guardia Costiera.

Avuta certezza che non vi fossero in mare ulteriori vittime dell’incidente si è proceduto al recupero dell’autoveicolo che è stato posto sotto sequestro su disposizione della Procura della repubblica di Barcellona, per l’espletamento degli accertamenti di rito.

Sabato 18 gennaio la Guardia Costiera di Milazzo ha effettuato una attività di assistenza ad una unità da diporto a vela. Infatti detta unità da diporto di circa 9.5 metri con due persone a bordo, attravesato lo stretto di Messina, in navigazione verso il porto di Milazzo, a causa del forte vento di scirocco subiva un grave danneggiamento delle vele che obbligava il conduttore a lanciare via radio un segnale di “urgenza”. Successivamente si disponeva l’intervento della motovedetta della Guardia Costiera di Milazzo, che giunta sul punto dopo pochi minuti, prestava assistenza all’unità in difficoltà.

Grazie al tempestivo intervento della motovedetta della Guardia Costiera, e con il supporto fornito anche via radio dalla sala operativa della Capitaneria di porto di Milazzo, l’unità proseguiva la navigazione con il proprio motore ausiliario, giungendo all’ormeggio in sicurezza presso il porto di Milazzo solo in tarda sera.

La Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Milazzo conferma la costante presenza lungo il litorale di giurisdizione al fine di salvaguardare la vita umana in mare e per scongiurare che situazioni come quelle occorse ai due diportisti soccorsi possano comportare più gravi conseguenze.

Milazzo lì 20 gennaio 2014