Mete…uccio delle Eolie : da San Bartolo al ponente

foto Giancarlo D’Ambra

di Marco Miuccio

Per chi non conoscesse le tradizioni popolari eoliane, nella maggiore delle isole, la bella Lipari, oggi si festeggia una delle quattro date in cui si celebra il santo patrono San Bartolomeo martire, nella data odierna in particolare quello c.d. dei Pescatori, con un pensiero ai tanti, amici o meno, che ho lasciato lì!
Il 05 Marzo quello degli agricoltori, il 16 Novembre quello per gli scampati pericoli dai terremoti ed il 24 Agosto quello calendariale!

In quello del 13 Febbraio è caratteristica l’asta dello stendardo di San Bartolo, che viene acquistato da una famiglia o cordata di famiglie, solitamente di Marina Corta, il cui rappresentante sfilerà in processione davanti al Santo, al seguito di tutte le confraternite!

Il banditore, figura importantissima nel rito dell’asta dello stendardo, riceve le proposte con cenni impercettibili dai vari angoli della piazza, annunciando che:
“U stennàrdu i #Sammàttulu è mittùtu ppi 1000 euru e na vuciiii” e poi due e poi tre, fino all’assegnazione, in quella che, tra le tante, è la vera festa del popolo!

Ed è proprio il miracoloso San Bartolo che fa si che, dopo questa sera in cui si spareranno i fuochi d’artificio, con un inevitabile pensiero a Nino Piro Costa ed al dramma che ha colpito la sua famiglia, da domani tornerà il ponente, dando qualche problemino alle solite Bistratt-Isole!

Fine settimana in miglioramento, fino al 20 e 21 Febbraio, quando Tramontana ed una tanto anelata acqua di cielo, dovrebbero riportare le temperature e le condizioni di umidità a livelli più invernali!
Nessuna novità di rilievo, almeno fino al carnevale, quando si sa…
#ognimeteovàle!!!