Ma c’è un silenzio… Quali speranze senza confronti ?

Comune di Lipari, rilascio CIE su prenotazione dal 1° febbraio

Sommessamente

Abbiamo una semplice domanda per l’Amministrazione comunale di Lipari : Perchè il palazzo, dove spesso si svolgono incontri importanti per la comunità, è così lontano dalla gente ? Lo chiediamo senza nessuna volontà di fare polemica ma , visto che facciamo comunicazione, negli interessi dello stesso Governo di queste sei isole. Sarà che siamo nostalgici degli anni pre-social, di grande fervore politico, culturale e ricreativo, ma tant’è. Abbiamo saputo dello svolgimento, nei giorni scorsi, di una riunione richiesta dalle associazioni sul PNRR e spiace rilevare che anche su una questione così importante per il futuro di questa comunità la stampa, ponte con la cittadinanza, non sia stata invitata.

Né i partecipanti, chi da una parte , chi dall’altra, hanno ritenuto di divulgare comunicati sui social sugli esiti dell’incontro. Risultato : non si sa nulla. Ma, se è per questo, non si sa nulla su altre iniziative e incontri che si svolgono al Comune, chiaramente di interesse pubblico dove, sempre la stampa, è assente. Sappiamo soltanto, perchè viene ripetuto in quelle poche occasioni che si verificano all’esterno, alla presenza del Sindaco, che fino a quando non si approverà il bilancio, per il quale , giustamente , si stanno concentrando tutti gli sforzi, non si potrà fare e organizzare nulla. Come se la vita non andasse avanti, come se la capacità di progettare o immaginare un futuro fosse tenuta in sospeso in attesa del consuntivo.

E’ un inverno difficile, quasi di rassegnazione e i prossimi mesi sono pieni di incognite perchè non si riesce a comprendere che piega prenderanno varie questioni a livello internazionale, nazionale e quindi locale dove i problemi sono sempre i soliti e dove l’economia, purtroppo, ristagna. Ma, per piacere, lasciamo questo silenzio e riportiamo un pò di speranza. C’è un paese morto, giusto a Natale. E’ proprio ora, mentre le isole continuano a spopolarsi, che il Comune deve svolgere al meglio il suo ruolo propulsore di confronto, promotore di idee e di progetti.