Lipari : più di sessanta in quarantena, il Sindaco raccomanda di restare a casa

Nella diretta pomeridiana anche l’annuncio della sanificazione delle strade

“Spero che l’aggiornamento pomeridiano possa darvi un po’ di serenità anche se si sta vivendo una emergenza nazionale. Confermo che allo stato attuale a Lipari non vi è nessun caso accertato ma voglio essere chiaro : con la stessa forza con cui smentiamo le notizie false ricordiamo quelle che sono le precauzioni da osservare, a maggior ragione nelle prossime settimane che saranno le più importanti”. Esordisce così il Sindaco Marco Giorgianni nella diretta di oggi per poi soffermarsi su alcuni aspetti dell’emergenza

“I controlli – precisa il primo cittadino- continuano ad essere effettuati ma abbiamo più di sessanta isolamenti fiduciari dopo l’ordinanza della Regione e le forze dell’ordine hanno il loro bel da fare per le verifiche. Non tutto può essere controllato e quindi la differenza in questi casi la fanno i cittadini con i loro comportamenti virtuosi”.

Autocertificazioni e denunce

” Il Ministero ha chiarito che possono tornare a casa soltanto i domiciliati e i residenti. Chi è soltanto proprietario di casa non può arrivare alle Eolie perchè viene bloccato nei porti di partenza. Non fate dichiarazioni mendaci per il lavoro perchè il Comune sta acquisendo tutte le autocertificazioni e controlleremo se gli spostamenti sono giustificati. Diversamente scatterà la denuncia come già è avvenuto da parte delle forze dell’ordine” ( a Lipari come a Vulcano, ndr) .

Sanificazione delle strade

“Da domani sera partirà la sanificazione delle strade; domattina sarà pubblicato il calendario e gli interventi interesseranno tutte le le isole. Vi ricordo il n. 0909887210 della Protezione Civile comunale per avere le informazioni necessarie. Arrivano tante chiamate e siamo contenti del supporto che si sta dando ai cittadini “.

Gli aiuti del Governo

“Vorrei anche dire che stiamo aspettando la pubblicazione del decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri per le azioni a sostegno del sistema sanitario e a favore dei cittadini. Abbiamo chiesto, in particolare, la collaborazione di alcuni commercialisti per la pubblicazione di una guida che spiegherà come ottenere gli interventi previsti dal Governo. Dovete sapere però che c’è sempre un primo decreto che copre le somme urgenze. Per gli interventi di aiuto e risarcimento bisognerà attendere i decreti successivi “.