Lipari, mancano gli anestesisti chiude la camera iperbarica

anestesisti e tecnici della camera iperbarica dell’ospedale di Lipari in una foto d’archivio

Dopo oltre 40 anni di attivita’ chiude la camera iperbarica dell’ospedale di Lipari a causa della carenza di anestesisti che da mesi non vengono reintegrati sino ad essere arrivati al punto di avere una sola presenza in turno che impedisce di fatto lo svolgimento di qualsiasi attivita’ che non sia di urgenza indifferibile. Da oltre un mese non si opera e un paziente affetto da ernia strozzata e’ stato trasferito in elicottero in un altro ospedale.

La camera iperbarica ha funzionato non solo per le urgenze, ma anche per la cura di numerosi pazienti che beneficiano dei trattamenti, come nelle infezioni delle ossa o nei post operatori per guarire prima le ferite.

La camera iperbarica di Lipari e’ l’unica di tutta l’Asp di Messina e ha contribuito a salvare tante vite umane anche di vacanzieri che nel periodo estivo dopo un’immersione si sono ritrovati con l’embolia. Per la comunita’ eoliana da tempo in subbuglio per i continui “tagli” a livello ospedaliero e soprattutto con gli impegni assunti dalla Regione non ancora mantenuti, “la chiusura della camera iperbarica appare una decisione assolutamente incomprensibile ed inaccettabile”. (ANSA).

Va puntualizzato che l’Asp, ha smentito la chiusura definitiva annunciando dei lavori nei locali interessati. Evidenziata, tuttavia, la mancanza di anestesisti , anche opportunamente formati per far funzionare il servizio. (P.P.)