Lipari, ladri di agrumi durante la zona rossa

Riceviamo da Alice Marra e pubblichiamo:

Cara comunità Liparota, non amo i riflettori, quindi mi costa molto espormi per denunciare quanto è capitato a me, e alla compagna del mio defunto padre, con cui condivido la proprietà a Lipari. Qualcuno della nostra gente, tra il 29 Dicembre e il 5 Gennaio, probabilmente approfittando delle limitazioni negli spostamenti e del conseguente calo di controllo sulla nostra proprietà a Pirrera, o forse convinto che la proprietà non sia controllata affatto, ci ha sottratto la stragrande maggioranza degli agrumi dagli alberi.

Un vero e proprio saccheggio, un furto in piena regola, con violazione della proprietà privata per giunta. Cedri, pompelmi, arance e limoni; guardati maturare nel corso dell’anno, innaffiati, potati e curati con grande amore e pazienza, completamente saccheggiati da prepotenti figuri, che non hanno avuto la decenza di chiedere, o di ringraziare per quanto preso.

Questa è una vera vergogna, che non vale la pena di essere commentata, ma questo non vuol dire che debba cadere il silenzio sulla vicenda. È importante parlare di queste ingiustizie, per i moltissimi come me, che non possono sorvegliare il proprio terreno h24.

Ai ladri di agrumi dico solo una cosa: Vergognatevi.

Bozza automatica 101
Annuncio creato il 5 Marzo 2021 18:01