L’album dei ricordi : l’incrociatore Bolzano portato in secca a Panarea (1942)

foto tratta da “La 173° Sq. RST nella Seconda Guerra Mondiale” di Giancarlo Garello

a cura di Massimo Ristuccia

Operation Pedestal La battaglia di Mezzo Agosto 1942

di Francesco Mattesini

…….Purtroppo, come se il fato avesse voluto punire la scarsa energia dimostrata in quell’occasione dai capi militari italiani, in particolare di quelli della Marina, la 3a Divisione dell’ammiraglio Parona (che si era divisa dalla 7a dell’amm. Da Zara diretta a Napoli), nel rientrare a Messina con gli incrociatori Gorizia, Trieste, Bolzano e Attendolo e 8 CT, fu attaccata alle Eolie dal sommergibile britannico Unbroken (TV A.C.G. Mars), che su ordine del Comando della 10a Flottiglia di Malta si era spostato verso nord dalla zona di agguato al largo di Milazzo.

L’Unbroken, ripetendo quanto l’Axum aveva fatto contro il convoglio dodici ore prima, alle 08.08 del 13 agosto, silurò simultaneamente al largo di Lipari gli incrociatori Muzio Attendolo (CV Mario Schiavuta), che ebbe asportata l’intera prora per ben 25 metri fino all’altezza della prima torre d’artiglieria, e Bolzano (CV Mario Mezzadra). L’Attendolo, scortato da 4 CT, raggiunse Messina coi suoi mezzi. Il Bolzano che con un forte incendio estesosi dalle casse nafta al torrione era rimasto fermo, rimorchiato dal CT Geniere (CF Marco Notarbartolo) fu portato in secca sulla spiaggia di Lisca Bianca a Panarea. Messo in condizioni di navigare dopo un mese di duro lavoro, che comportò di stendere intorno alla nave incagliata e devastata uno sbarramento di reti, il 16 settembre il Bolzano fu rimorchiato a Napoli, e poi trasferito alla Spezia dove non fu possibile completarne le riparazioni per l’armistizio dell’8 settembre 1943.

foto tratta da “La 173° Sq. RST nella Seconda Guerra Mondiale” di Giancarlo Garello.
tratta da Operation Pedestal La battaglia
di Mezzo Agosto 1942 di Francesco Mattesini