” L’affare epocale ” di Crocetta con lo Stato

crocetta a lipari(askanews) – “Da quest’anno abbiamo 1 miliardo e 685 milioni in più che ci permettono di utilizzare i fondi d’investimento non per pagare la spesa corrente ma per lo sviluppo. D’ora in avanti il bilancio della Regione sarà a posto, i comuni avranno i soldi subito, perchè i trasferimenti non saranno bloccati, si metteranno in circolazione fondi veri”. Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta, incontrando i giornalisti a Palazzo d’Orleans di Palermo questo pomeriggio, per fare il punto sull’intesa siglata tra Regione e Governo nazionale, che riconosce alla Regione siciliana un modello di entrate allineato a quello utilizzato per le altre regioni a Statuto speciale.

“Le entrate stanno aumentando – ha proseguito Crocetta -, mi ero dato un compito nel mio programma elettorale, risanare prima i conti e poi riorganizzare la crescita. Adesso vorrei una legge a sostegno delle piccole e medie imprese, e per i poveri, per i giovani senza lavoro. Chiaramente con queste risorse, l’economica cresce e ci sarà più lavoro. Entro 15 giorni firmeremo con Renzi il ‘Patto con la Sicilia’, e metteremo in circolazione antri 2,3 miliardi tra il 2016 e il 2017. Così ripartono i cantieri e aiuteremo i piccoli artigiani. Sono soldi che incideranno sul Pil e sull’occupazione”.

Quindi il governatore siciliano ha aggiunto: “La Sicilia non è più quella regione sciupona che spreca, ma quella che si è resa credibile rispetto al Paese, con 3 miliardi di tagli, ed è in condizione di far ripartire la macchina Sicilia. Riparte come una normale regione europea che da quest’anno non fa più bilanci con entrate finte, con blocchi di patti di stabilità. Questo consentirà di essere puntuali nei pagamenti e dare serenità a un popolo martoriato dai privilegi, dalla conservazione, dalle prebende, del populismo indifferenziato. Adesso finalmente la Sicilia cambia”.

” Ma ecco cosa prevede- riporta l’attento Livesicilia.it- tra le altre cose, l’offerta speciale di Palazzo Chigi: con 500 milioni “cash”, la Regione si impegna, entro il 30 settembre prossimo, al “ritiro di tutti i ricorsi, in materia di finanza pubblica promossi prima del 31 dicembre 2015, nei confronti dello Stato innanzi alle diverse giurisdizioni e relativi alle impugnative di leggi o di atti conseguenziali”. Non solo, quindi, il ritiro delle cause con lo Stato sulle prerogative, ad esempio, dello Statuto, ma anche i normali ricorsi contro le impugnative del governo Renzi.

Ma il bello viene dopo. Perché l’offerta non è speciale, ma specialissima: i 500 milioni sono comprensivi “degli effetti finanziari delle sentenze in materia di finanza pubblica decise dalle diverse giurisdizioni anche nel periodo intercorrente fra la stipula del precedente accordo fra lo Stato e la Regione siciliana, firmato il 9 giugno 2014, e la data di stipula del presente accordo”. Dentro quella somma, liberata ieri da Palazzo Chigi, ci sono quindi anche i soldi che la Corte costituzionale o altre giurisdizioni, hanno riconosciuto alla Sicilia dopo quel disgraziato accordo del giugno del 2014. Un accordo, però, che aveva una portata temporale circoscritta. Adesso, ogni euro riconosciuto in questi due anni alla Regione, rientrerà nei famosi 500 milioni.

Un successone, insomma. Senza contare i passaggi nei quali la Sicilia china il capo a Roma, pur di avere quei soldi che erano in gran parte propri. A cominciare, ad esempio, dal recepimento di una serie di norme statali, come quelle riguardanti i servizi pubblici e le società a partecipazione pubblica, o anche le norme che prevedono i licenziamenti disciplinari per i cosiddetti “furbetti del cartellino”. E, paradosso tra i paradossi, la Regione si impegna a recepire “completamente” la legge Delrio sulle Province. Dopo tre anni di fallimenti, strafalcioni, guerre e imugnative, alla fine Crocetta si arrende e trasforma la sua “epocale” riforma in un copiato della legge nazionale. Pensarci prima, a questo punto, sarebbe stato più logico.

Ma l’epocale “successo” della Regione, a guardar bene, è poco più di un prestito. Che tra l’altro Roma concede utilizzando molti dei soldi… dei siciliani. Il trasferimento, infatti, è subordinato a una serie di prescrizioni. Se la Regione non le rispetterà, scatteranno sanzioni e verrà quindi ridotto il trasferimento stesso. Solo per fare qualche accenno, la Regione si è impegnata a garantire dei “saldi positivi” in bilancio al limite del fantasy. Nel 2016 dovrà garantire un risparmio di quasi 228 milioni di euro. L’anno successivo addirittura di 577 milioni. E ancora, la Regione dovrà, negli anni dal 2017 e il 2020 , impegnarsi a ridurre la spesa corrente “in misura non inferiore al 3 per cento per ciascun anno rispetto all’anno precedente”. Per intenderci, stiamo parlando di una somma pari a circa 430 milioni di euro l’anno. Di nuovi tagli.

Se la Regione non rispetterà queste indicazioni, saranno guai: “In caso di sforamento dell’obiettivo di riduzione degli impegni di parte corrente – si legge poi nell’accordo – il Ministero dell’Economia e delle finanze, anche tramite l’Agenzia delle entrate, è autorizzato a trattenere il corrispettivo importo dello sforamento a valere sulle somme a qualsiasi titolo spettanti alla Regione”. Solo per fare un esempio: se tra il 2017 e il 2020, il nuovo governo regionale riuscirà, nonostante le difficoltà di un bilancio sempre più all’osso, a ridurre la spesa, ma – mettiamo caso – “solo” dell’1,5 per cento, in due anni lo Stato si sarà già ripreso i 500 milioni. Eccolo l’affare epocale, l’accordo storico che Crocetta lascerà alle prossime generazioni “.

Bozza automatica 101
Annuncio creato il 5 Marzo 2021 18:01
"Lipari Differenzia" : parte il nuovo calendario di conferimento rifiuti ed il nuovo metodo di raccolta Porta a Porta 7