Investimento in oro, le tipologie più richieste

Una tendenza diffusa da anni quella di investire in oro, e che oggi può contare su diverse soluzioni da intendersi tanto come modi per farlo quanto come strumenti sui quali puntare. È dai tempi delle civiltà antiche che l’oro è stata la valuta preferita del mondo: oggi gli investitori acquistano oro principalmente come copertura contro i disordini politici e l’inflazione, quindi come bene rifugio nei momenti di crisi.
La stragrande maggioranza dei consulenti di investimento raccomanda un’allocazione del portafoglio in materie prime, compreso l’oro, al fine di ridurre il rischio complessivo del portafoglio stesso. Ecco perché sono in molti a puntarvi, anche tenendo conto delle tante soluzioni oggi disponibili, come si diceva.

Tipologie di investimento in oro

La prima grande distinzione è tra oro fisico e oro finanziario: il primo è l’investimento tradizionale, basato sul fatto di andare ad acquistare il prezioso metallo, sotto varie forme, da tenere come riserva di valore. Investire in oro finanziario è un qualcosa di più complesso ed estemporaneo, operazione da portare avanti soltanto nel caso di particolari competenze in materia.
L’oro fisico è quello che si può toccare con mano, conservare in un forziere o in qualche cassaforte. Lingotti e monete sono i tagli più tradizionali oltre che maggiormente ricercati: quali sono i vantaggi? Il fatto che sono comodi da gestire (coniati spesso e volentieri in dimensioni ridotte) e quindi da conservare.
 
La quotazione dell’oro

Determinare il prezzo esatto dell’oro, quindi la sua quotazione in un dato momento storico, è il primo step da compiere. Questo anche in considerazione del fatto che il suo valore non è fisso, è fluttuante e tende ad oscillare costantemente. La quotazione dell’oro dipende dalla sua valutazione all’interno della Borsa internazionale: il prezzo ufficiale fa sempre riferimento all’oro nel suo stato puro, ecco perché la valutazione dell’oro, quando lo si va ad acquistare o a vendere, è sempre legata alla sua qualità oltre che ai carati.


Proprio perché il prezzo dell’oro è fluttuante è bene tentare di acquistare quando la valutazione è conveniente: esistono siti presso i quali è possibile bloccare la quotazione in un preciso istante così da tenere il prezzo per andare poi ad acquistare in un secondo momento. Ad esempio il sito di Oro First offre soluzioni di questo genere.
Un’indicazione comunque sempre relativa dato che, come si diceva, la valutazione ufficiale si riferisce sempre e soltanto all’oro puro, a 24 carati; i gioielli che si hanno in casa, quelli più comunemente diffusi, ad esempio, non raggiungono mai questo livello di purezza, che appartiene di solito a monete e soprattutto ai lingotti in oro.