Il virus dei “furbi”

di Francesco Coscione

Ho cercato di capire e giustificare tutti ma penso che sia giusto avere dei limiti. So di alcuni che sono rientrati da fuori regione, anche dal nord Italia, e sono a passeggio per Lipari senza rispettare la quarantena, so di altri che pensano di essere furbi e scaltri e hanno comportamenti vietati, so di altri che pensano che aggirare i posti di blocco sia uno sport.

Ma so anche di fidanzati e ragazzi che per “amore” non si vedono da settimane, di famiglie che per “amore” escono solo per necessità estreme, so di persone che per “amore” hanno ceduto la loro mascherina a pazienti oncologici e immunodepresse, so di infermieri e medici che sono in “missione” rischiando la vita, so di figli che “per amore” restano al nord e non vedono la famiglia da mesi.

Abbiamo un nemico comune, questo virus, che ha ucciso e ucciderà, ma a voi che vi credete furbi e scaltri dico: fate in modo di non allearvi con lui o anche i buoni perderanno la pazienza e cambieranno tattica: le forze dell’ordine non ce la fanno da sole, forse hanno bisogno di una mano!!!A buon intenditor poche parole !!!

Francesco Coscione