Il fuoco della campagna elettorale per il futuro delle Eolie

Il mese delle chiacchere e dei sogni purtroppo è finito. Da martedì si tornerà a fare sul serio, con una nuova Amministrazione, in un arcipelago dove ci sarà subito da mettere mano alle tante cose da fare per l’estate. E’ stata la fiera del nuovo ( i tanti giovani di belle speranze) e del vecchio; di provocazioni e veleni sui social ; di chi ha cercato qualche minuto di popolarità e di chi ha preferito restare nell’ombra. Ma è stato anche un mese di confronti, seppur a distanza da una località all’altra, come non se ne vedevano da anni e che hanno fatto riscoprire la passione per la cosa pubblica mettendo a nudo pregi e difetti di pretendenti alla poltrona e agli scranni consiliari . Ci saranno vincitori e vinti. E’ la vita. L’importante è che, superati l’euforia e l’entusiasmo iniziali il fuoco per le sorti di questo territorio, acceso e alimentato nell’ultimo mese, non si affievolisca . Eoliani meno alle tastiere e più alla presa del futuro partecipando ai processi decisionali per queste isole !