Il falso trading e gli altri rischi della rete

Continuano a proliferare le truffe in rete, terreno sempre più prediletto da parte dei malintenzionati che scelgono tantissimi campi diversi nei quali far proliferare i propri ‘business’ poco ortodossi. D’altra parte il mondo online offre una serie di vantaggi e opportunità, ma purtroppo è anche un terreno fertile per truffe e frodi di vario genere.
Ce ne sono diverse, visto che i malintenzionati non difettano mai di fantasia: tra le varie, una delle pratiche più insidiose è il falso trading, che sfrutta la popolarità degli investimenti online per ingannare gli utenti e sottrarre loro denaro. Ma ci sono anche tanti altri campi nei quali si perpetrano le truffe online. Vediamo i più comuni partendo proprio dal trading online.

Le truffe del trading online

Il trading online, come riportato su questo sito, è una tipologia di investimento che funziona direttamente in rete, tramite piattaforme virtuali, consentendo agli utenti di fare tutto in modo autonomo. Ebbene il falso trading è una truffa che si basa sull’illusione di investimenti redditizi e sicuri.
Con questa modalità le vittime vengono contattate tramite email, annunci pubblicitari su social media o attraverso siti web apparentemente legittimi che promettono rendimenti straordinari su investimenti in borsa, criptovalute o altri strumenti finanziari. I truffatori spesso si presentano come broker o esperti di trading e persuadono le vittime a depositare fondi sulle loro piattaforme.
Una volta effettuato il deposito, i truffatori spariranno nel nulla, lasciando le vittime con il portafoglio vuoto e senza possibilità di recupero. Una truffa che si sta allargando a macchia d’olio anche in Italia, come dimostrano i numeri sul tema.

Altre truffe del web

Ma non solo falso trading, visto che come si è detto i truffatori riescono ad essere sempre originali e ingegnosi. Tra i reati informatici più diffusi si registrano anche quelli legati ai finti amori, le cosiddette truffe romantiche, una forma subdola di frode che sfrutta le emozioni e la vulnerabilità delle persone in cerca di relazioni sincere e significative. Queste truffe coinvolgono solitamente individui che fingono di essere interessati romanticamente alle loro vittime al fine di ottenere denaro o informazioni personali.
Da segnalare poi in costante ascesa le frodi relativa a hishing, con invio di mail o messaggi che sembrano provenire da istituzioni finanziarie o aziende legittime al fine di ottenere informazioni personali o finanziarie sensibili; social engineering, ovvero utilizzo da parte dei truffatori di tecniche di ingegneria sociale per manipolare le persone e ottenere accesso non autorizzato a informazioni sensibili o account online; malware, per infettare i dispositivi degli utenti e rubare dati personali, password di accesso o persino criptovalute. (Pubbliredazionale)