Ginostra, raccolta differenziata : Legambiente chiede soluzione

Al Sig. Sindaco del Comune di Lipari Rag. Marco Giorgianni

e.p.c   All’assessore all’Ambiente del Comune di Lipari

Ai Consiglieri Comunali del Comune di Lipari

 

Lipari, 01/12/2019

Oggetto:  Raccolta differenziata e compostaggio domestico nel territorio delle Isole Eolie -Frazione di Ginostra – .

Preg.mo Sig. Sindaco,

Non siamo riusciti ancora a raggiungere la soglia minima del 65% nella raccolta differenziata dei rifiuti.

Il 2020 dovrebbe essere l’anno del riscatto, l’anno in cui dobbiamo dimostrare di essere capaci di fare una raccolta differenziata come si deve raggiungendo la soglia prevista.

Le nostre isole, patrimonio mondiale dell’Unesco, meritano questa attenzione che oltre a migliorare la qualità della vita dei suoi abitanti darebbe l’immagine giusta, che ci meritiamo all’occhio delle migliaia e migliaia di turisti che ci visitano ogni anno.

A tal proposito ci permettiamo di esporre alcune criticità e di formulare alcune proposte che, a nostro avviso, andrebbero seriamente prese in considerazione, almeno come spunto di partenza, per migliorare la raccolta differenziata nel nostro comune ed in particolare nella frazione di Ginostra dove il porta a porta non è mai partito pur essendo più facile da gestire rispetto alle isole maggiori.

La mancanza di una raccolta differenziata ben fatta e organizzata ha arrecato danni economici e d’immagine alla comunità eoliana ed all’intera frazione di Ginostra.

Una differenziata ben studiata avrebbe consentito al nostro Comune di risparmiare un bel po’ di soldi e agli utenti finali di pagare meno tasse.

Carta, plastica, alluminio e vetro potrebbero, se ben differenziati, essere rivenduti mentre l’organico, grazie al compostaggio, potrebbe essere trattenuto sulle varie isole diventando una preziosa risorsa.

Il porta a porta dovrebbe essere affiancato in alcune zone periferiche, a nostro avviso, anche   da una formula di differenziata spinta con postazioni fisse, cosiddette “Presidiate”, dove l’utente possa conferire i vari materiali in certi orari (sul modello del progetto “Carretta Caretta” che funziona molto bene e che fu sperimentato con successo, per un brevissimo periodo, nel passato, anche a Stromboli). Pensiamo a quei posti con stradine irregolari, strette, senza pedonali, interrotte da gradini, dove le motoapi rasano i muri o a posti come Ginostra ed Alicudi dove la raccolta si può fare solo con muli e le case sono tutte sparse e difficilmente raggiungibili dagli operatori ecologici.

Un altro suggerimento è quello dell’utilizzo, per qualsiasi categoria di  differenziati riciclabili, di sacchetti TRASPARENTI, senza colori. Inutile imporre alla gente, che ha ben altro da pensare dalla mattina alla sera, di ricordare in quale sacco di quale colore deve mettere questo e quest’altro. In un sacco trasparente tutti vedono tutto. L’indifferenziato potrebbe, invece, facilmente essere consegnato in sacchetti neri.

Questo è un tipo di raccolta porta a porta che si potrebbe definire “condominiale rurale di prossimità”, come nei condomini di città dove parecchi inquilini mettono la raccolta differenziata del giorno in un unico contenitore condominiale.

A parte tutto questo, bisognerebbe assolutamente che il comune prevedesse la TARIFFA PUNTUALE:   in modo cioè che si paghi solo per l’indifferenziato (nel sacco nero) che va portato in discarica a pagamento. Tutto il differenziato ANDREBBE  RIVENDUTO,  si pagherebbe da solo le proprie spese,  sia di raccolta, sia di trasporto.

Tornando al compostaggio domestico, il Comune di Lipari potrebbe incentivare chi fa il compostaggio domestico e collettivo con una riduzione della T.A.R.I. che potrebbe arrivare fino al 20 – 30%, come fanno nei comuni di: Isola delle Femmine, Aci Sant’Antonio, Carini e Mascalucia.

Attraverso il compostaggio domestico o anche di comunità si potrebbero ridurre i quantitativi di rifiuti urbani prodotti e si potrebbero ridurre i costi di raccolta, trasporto e conferimento dei rifiuti organici.

Si potrebbe, inoltre, promuovere la produzione e l’utilizzo diretto da parte dei privati cittadini del compost e supplire alla carenza di piattaforme idonee.

Nel Caso specifico di Ginostra basterebbe distribuire le compostiere domestiche ai privati cittadini e prevedere l’installazione di una piccola compostiera di comunità gestita dagli operatori ecologici in un terreno comunale ( il costo di tale apparecchiatura è veramente minimo rispetto al beneficio che ne conseguirebbe)così da poter smaltire in loco l’umido (organico) senza dover accumulare al porto, specie nel periodo estivo, centinaia di sacchi dell’immondizia con le conseguenze di rischio per la salute pubblica ed illegalità che tutti sappiamo ed inoltre si potrebbe limitare l’uso della nave dedicata che ha costi sostenuti.

La Regione ha varato degli schemi di regolamento comunali per il compostaggio domestico, locale e di comunità destinati agli Enti locali dell’Isola. I modelli sono stati pubblicati sul sito del dipartimento Rifiuti e stanno lì, belli e pronti per quei Comuni che vorranno adottarli. Sono schemi realizzati dall’Ufficio speciale della differenziata con la collaborazione di tecnici comunali e associazioni. E puntano a diffondere capillarmente i mini-impianti di compostaggio, domestici o condominiali, dove conferire l’organico. Una buona pratica che può incrementare la differenziata e sopperire anche al deficit di impianti di compostaggio che affligge alcune zone della Sicilia. Il compostaggio costituisce un pilastro fondamentale nella gestione virtuosa e naturale dei rifiuti basata sulla riduzione degli stessi e sulla gestione in loco degli scarti organici prodotti dai singoli cittadini e dalle comunità. In questo modo si potrà ridurre notevolmente il rifiuto indifferenziato, che purtroppo sta saturando tutte le discariche presenti in Sicilia, si evita che il rifiuto viaggi nell’isola e si contribuirà inoltre, a risolvere il problema della mancanza di impianti di compostaggio nell’Isola. Ci sono anche dei fondi europei a disposizione dei Comuni per questa finalità.
Il modello è quello delle compostiere domestiche o condominiali. Una famiglia di quattro persone produce al giorno oltre due chilogrammi di rifiuto organico, che potrà essere conferito nella propria compostiera domestica (se si ha un giardino) o in un luogo individuato dal comune, ricavato nel proprio quartiere o condominio, per produrre concime naturale.

Premesso tutto ciò, nell’ottica di una collaborazione costruttiva con Il Comune di Lipari, Le chiediamo un incontro come associazione, magari insieme a qualche nostro esperto, per valutare insieme quale sia la soluzione migliore per Ginostra.

Restiamo in attesa di un suo gentile riscontro in merito e porgiamo:

Distinti Saluti

Legambiente del Tirreno

Per il nucleo di Ginostra

Gianluca Giuffrè

Gianluca.eolie@gmail.com

 

 

 

 

 

 

Share