Ginostra : Legambiente del Tirreno chiede spostamento cassonetti

(Comunicato Legambiente del Tirreno e Nucleo di Ginostra)

La mareggiata del 14.12.2019 ha dimostrato quello che gli abitanti di Ginostra hanno sempre detto, che cioè il sito scelto per la collocazione dei cassonetti per la raccolta dei rifiuti in attesa di essere prelevati per il trasporto alla terra ferma, è sbagliato. Il mare infatti si è portato via i cassonetti insieme alla spazzatura, causando quel disastro ambientale, che non è stato possibile scongiurare, malgrado i tanti preavvisi inoltrati alle Autorità competenti. Questo potrebbe già configurare profili di responsabilità penale.

Per di più adesso, malgrado anche la prova dei fatti, i cassonetti sono stati ripristinati nello stesso posto, in attesa, verrebbe da dire, che la nuova mareggiata li porti via nuovamente.

Chiediamo pertanto alle Autorità competenti di voler considerare il problema del posizionamento nella maniera più logica, visto il delicatissimo contesto territoriale. Innanzitutto l’attuale sito è illegittimo poiché è posizionato sul demanio marittimo e in ambito portuale, nonché ad elevato rischio di finire in mare (cosa avvenuta anche in precedenza, di cui quindi esiste ampia esperienza).

Si deve poi considerare che il sito, posto in prossimità dell’imbarcadero, rimane in vista, con tutto l’effetto deturpante, lungo il percorso di accesso dei turisti e dei residenti, andando ignominiosamente a contraddire la specificità territoriale del trovarsi in una Riserva Naturale Orientata della Regione Siciliana e perfino in un sito del Patrimonio Unesco.

Ragionevolmente gli abitanti richiedono di individuare un sito sicuro e dissimulato alla vista, in modo da evitare nuovi disastri e rispettare l’ambiente unico e prezioso del villaggio strombolano di Ginostra, famoso per la sua bellezza in tutto il mondo. Nell’associarsi alla richiesta, Legambiente ricorda l’urgenza di avviare anche la raccolta differenziata, secondo le proposte in precedenza inoltrate.

La presente viene inviata alle Autorità competenti quale avvertimento perché si intervenga con urgenza, in modo sensato e come è stato più volte auspicato dagli abitanti, nonché per conoscenza agli Organi di informazione.

Milazzo, 18/12/2019

Il Presidente

Pippo Ruggeri

 

Share