Gianfranco Guarino: ” Il cielo è bellissimo…”

Riceviamo da Gianfranco Guarino e pubblichiamo

IL CIELO ROTTO…

gianfranco guarino… Sabato pomeriggio mi preparavo come sempre per la palestra, ricordando a me stesso, che l’indomani sarebbero stati proclamati Santi: Papa Giovanni XXIII e Papa Giovanni Paolo II, Pensavo che indipendentemente da logiche religiose, non si poteva non riconoscere la grandezza del loro operato e cercavo un filo conduttore tra i due papi, per un eventuale pubblicazione su facebook, ritenendo di identificare il tutto in un canto “Jesus Christ you are my life” colonna sonora, se così si può dire…della vita di Papa Giovanni Paolo II e dal titolo emblematico e di unione per entrambi.

Leggermente in ritardo, ma soddisfatto mi sono avviato…

In palestra, tutto fila liscio fino all’ultimo esercizio, ma durante l’ultima serie sento come uno strappo muscolare al petto, e rimprovero a me stesso… vuoi vedere che mi sono fatto male dopo mesi in un esercizio così banale…

Segue un leggero capogiro… pensando di avere un calo di zuccheri, raggiungo gli spogliatoi per bagnarmi i polsi e la fronte… rientro in palestra, ma mi rendo conto che qualcosa non va… rientro negli spogliatoi , mi stendo per terra e chiedo ad un ragazzo di chiamare Gianluigi il mio preparatore, non mi sento per niente bene…

Nel frattempo le forze incominciano ad abbandonarmi, Gianluigi arriva come un fulmine… una veloce verifica e mi dice tranquillo ora arriva l’ambulanza, stai tranquillo… Ma il suo volto non lascia dubbi capisco che è accaduto o sta per accadermi , qualcosa di molto brutto…

… Cerco dentro i miei occhi il sorriso più bello di mio figlio… li chiudo e inizio a pregare… dopo, solo fiumi di parole… Il cielo si è rotto…

…”Quella ragazza fa come una pazza, dice di essere sua nipote…”, “Perso…”, “Riprova…”, ” Non arriva all’elicottero…”, “Ma è Gianfranco…”, “Addio…”, “Tranquillo ora ti aiutiamo…”, un continuo interminabile…sento le voci, le riconosco, ma incredibilmente non riesco a collegarle alle persone che le pronunciano.

Intorno rumore di ferro, la sensazione da elicottero è chiara, poi solo rumori, fino a quando non riconosco la voce di Graziella… “Devi vomitare ?…” continuo a non vedere nulla ma lo faccio …ad un tratto una voce nitida, “Sei fortunato…Sei nelle migliori mani di Sicilia…” ancora qualche attimo e mi ritrovo in una grande sala… Ci vedo…Giuseppe, Federica, Graziella, e tante altre persone che stanno lavorando per ricostruire il mio cielo…ops, continuo a sbagliare, stanno costruendo un nuovo cielo tutto per me, con molti pianeti, tanti soli e tante lune, molto più grande di prima…

Sono soddisfatti… il gruppo dei sanitari di Lipari e della struttura del Papardo, hanno salvato una vita umana, ma non c’è tempo tra poco tocca ad altri… Quasi fosse l’ordinaria magia di un giorno qualunque…

Il cielo è bellissimo….

Desidero ringraziare così coloro che hanno permesso che scrivessi ciò che leggete, raccontando le mie emozioni ed i miei ricordi senza nulla tacere… convinto che una testimonianza valga più di mille chiacchiere….

Nello stesso tempo desidero ringraziare tutti coloro che mi sono stati vicini: la mia famiglia, i colleghi, Cantori Popolari delle Isole Eolie, amici, conoscenti e non, clienti, etc. un numero enorme di persone, che non mi hanno mai fatto sentire solo, ma mi hanno fatto vedere come ora il cielo è più grande, e di un blu meraviglioso.

Gianfranco Guarino