Ex Siremar, Morace conferma: si chiude entro marzo

Il 24 marzo sarà varato il Gianni M, l’aliscafo più grande del mondo

Ettore Morace, AD Ustica Lines
Ettore Morace, AD Ustica Lines

Lipari- Futuro Ex Siremar : «Siamo molto vicini alla conclusione  e contiamo di formalizzarne l’acquisto entro il mese di marzo. Un’operazione che stiamo portando avanti con la Società Siciliana di Navigazione, nella quale siamo soci paritari al 50% assieme alle famiglie Franza-Matacena con le quali ci uniscono anni di amicizia e stima». Lo ha dichiarato in una intervista  al giornale themeditelegraph.com l’amministatore delegato di Ustica Lines , Ettore Morace, che presenta le prossime novità societarie.

In programma il 24 marzo, il varo del “Gianni M” il nuovo aliscafo (il più grande mai costruito al mondo) studiato e ideato dallo zio Gianni e dal cugino Ferdinando (entrambi ingegneri) cui dovrebbe essere presente anche il ministro dei Trasporti, Graziano Del Rio. Il nuovo rivoluzionario mezzo veloce, è lungo 40 metri, porta 350 passeggeri alla velocità di 40 nodi con due caterpillar da 2.000 Kw, sarà immesso nei collegamenti con le Egadi ed è stato costruito a Trapani, nel cantiere navale voluto da Vittorio Morace e scelto per la sua ubicazione al centro del Mediterraneo. Un secondo aliscafo, gemello del “Gianni M”, è già in costruzione e sarà pronto tra un anno.

uno dei nuovi aliscafi varati di recente
uno dei nuovi aliscafi varati di recente

«Io punto molto sul cantiere – insiste Ettore Morace – rappresenta una vera e propria sfida. E’ l’unico in grado di realizzare aliscafi di simili caratteristiche ed inoltre ci consente di continuare a dare il nostro contributo per lo sviluppo di questa parte del territorio, non solo, ma anche di inserire il Sud del Paese in quel processo di globalizzazione in termini positivi che punti a superare le storiche problematiche legate alla marginalità geografica». «Oltre alla costruzione di aliscafi per la nostra società – aggiunge Ettore Morace – siamo in trattative molto avanzate con una società greca per la costruzione di due nuovi aliscafi. La conferma dovrebbe arrivare entro fine mese».massaggio 1

Infine, il cambio del nome alla società, non più Ustica Lines. «Sì, lo confermo – conclude Ettore Morace – Ustica Lines è troppo riduttivo legato com’è a un’unica isola. Deve dare, invece, l’idea di una società proiettata verso più ampi orizzonti. Abbiamo già scelto il nuovo nome ma, per ora, è top secret».

festa donna filippino