Contare i danni ? Puntiamo al turismo siciliano

di Rosaria Corda

Piuttosto che contare i danni, comincerei a studiare un modo per limitarli. Se la Sicilia si isola completamente, e a questo punto mi auguro che lo faccia veramente, si potrebbe incanalare l’offerta verso il turismo interno. Con pacchetti opportunamente studiati per le famiglie, per gli anziani, per i giovani.

Proponendo alternative semplici, poco costose, sane e coordinando il tutto con gli esercenti, i responsabili delle compagnie marittime e con i vettori turistici. Coinvolgendo i gruppi locali e i giovani. Chissà che non ne venga fuori una bella estate e le isole non diventino di nuovo una piccola oasi dove trovare sicuro ristoro?