Comitato per l’Ospedale lancia raccolta fondi per l’acquisto di materiale sanitario

Per donare collegarsi all’indirizzo: https://www.gofundme.com/f/ospedalelipari
Se si preferisce donare tramite un bonifico, l’associazione Magazzino di Mutuo Soccorso – Eolie ha messo a disposizione il suo IBAN: IT47X0503426000000000001320

E’ possibile donare anche in contanti presso le farmacie di Lipari.

La causale del bonifico anche: DONAZIONE OSPEDALE LIPARI
Stiamo concordando con le farmacia anche la raccolta fondi in contanti: a breve conferma.

In questo momento complesso dal punto di vista sanitario ognuno può fare la propria parte per sostenere gli sforzi dei medici e del personale sanitario.

In questi giorni un gruppo di cittadini ha contattato il Comitato L’Ospedale di Lipari non si tocca, chiededoci di farci garanti per una raccolta fondi in sostegno dell’Ospedale di Lipari.
Ci siamo così messi in contatto col dott. Compagno per conoscere le reali necessità della struttura.

In questo momento nel nostro ospedale c’è carenza di mascherine (ce ne sarebbe bisogno di circa 50 al giorno) e sono necessari anche schermi facciali paraschizzo in plexiglass.

L’obiettivo della campagna è acquistare:
– almeno 2000 mascherine
– almeno 50 schermi facciali

Quanto materiale riusciremo ad acquistare ed in quanto tempo dipende da te.
Prima riusciamo a raggiungere la cifra necessaria, prima partirà l’ordine (1-2 settimane), prima potremmo supportare il lavoro di medici e personale ospedaliero di Lipari.

Per rimanere aggiornati seguici sulla nostra pagina facebookL’Ospedale di Lipari non si tocca.

CHI SIAMO E PERCHE’ LO FACCIAMO

Il Comitato “L’Ospedale di Lipari non si tocca” nasce a Dicembre del 2019 per rispondere a constati tagli alla sanità eoliana, che hanno portato l’Ospedale di Lipari sull’orlo della chiusura.
Per sapere qualcosa di più sulla situazione situazione puoi leggere la lettera che abbiamo inviato qualche settimana fa al direttore dell’ASP Messina, prima che scoppiasse l’emergenza coronavirus.
La sanità è un diritto, che nel nostro paese dovrebbe essere garantito a tutti, senza necessità di contributi privati.
Ma questo non è il momento di fare rivendicazioni: è il momento di unire le forze per fare fronte a un’emergenza senza precedenti.
Con la sanità pubblica.
Per la sanità pubblica.
Con l’auspicio che questa crisi sia utile per rivedere le decisioni sbagliate che sono state prese in questi anni, e tornare a consolidare il nostro sistema sanitario che rimane uno dei migliori al mondo.
Questo è il momento per stare uniti ed essere solidali.
Ce la faremo.

Share