Come scegliere una piattaforma per investire online

Come scegliere una piattaforma per investire online

Investire online è diventato, anno dopo anno, una pratica diffusa sul web dove ne vengono di continuo pubblicizzate le virtù ed i vizi. Il trading online, questo il termine che si utilizza per circoscrivere l’arte di investire tramite il web, è una soluzione alternativa rispetto ai tradizionali canali di investimento.
Un modo nuovo che implica il ricorso a specifici soggetti virtuali, intermediari online o piattaforme. Moderni broker che non hanno connotazione fisica ma offrono un software all’utente. Investire nel trading online ha quindi un passaggio preliminare che si può configurare come momento chiave di tutto: la scelta della piattaforma di trading da utilizzare.

Attenzione alle truffe

È chiaro che chiunque si dedichi all’impresa deve cercare di orientarsi confrontando le migliori piattaforme di trading online. Questo perché, nel corso degli anni, un gran numero di aspiranti trader è incappata in truffe e comportamenti quantomeno opachi da parte di alcuni broker.
Una consuetudine che prosegue tutt’oggi, confidando nell’ingenuità e nell’avventatezza di molti trader alle prime armi. Il punto da cui partire, onde evitare di incappare in un broker truffaldino, è rappresentato dalle certificazioni delle autorità preposte sui mercati nazionali a sorvegliare il corretto svolgimento delle operazioni.
In Italia questa attività di controllo è affidata alla Consob e, di conseguenza, quando si pensa di adottare un determinato broker per il proprio commercio, occorre verificare che goda di una licenza da essa rilasciata. In sua assenza si consiglia di girare immediatamente al largo.

Gli strumenti operativi

Il secondo aspetto da curare, nella scelta del broker per il trading online è quello degli strumenti operativi che mette a disposizione dei propri clienti. Un aspetto fondamentale, in tal senso, è rappresentato dalla piattaforma operativa, per la quale si consiglia di scegliere i broker che propongono MetaTrader nell’ultima versione disponibile. Si tratta di una questione assolutamente dirimente, in quanto una piattaforma complicata da utilizzare o non perfettamente efficiente, può comportare danni non da poco alle proprie operazioni.

La formazione

Altro aspetto fondamentale nella scelta della piattaforma è poi rappresentato dal lato formativo. Chi inizia a fare trading online, nella grande maggioranza dei casi non possiede competenze economiche sufficienti. Necessita quindi di strumenti formativi per elaborare strategie vincenti. Per farlo i broker migliori forniscono guide e tutorial o effettuano webinar e corsi online tesi ad implementare le conoscenze della propria clientela.

La versione demo

Ultimo punto molto importante nella scelta del broker è rappresentato dalla demo. Si tratta di una modalità simulata che consente al trader principiante di iniziare a prendere confidenza con i mercati e con le turbolenze che li caratterizzano ogni giorno.
In sostanza con la demo è possibile testare le proprie strategie e l’avanzamento di competenze senza rischiare i propri soldi. Le operazioni che vengono approntate in questo ambito non prevedono l’impiego di capitali e, naturalmente, non consentono neanche di guadagnare.
Si tratta però di un utile allenamento, anche se manca quel fattore stress che da molti è indicato quale elemento di potenziale destabilizzazione quando sono in gioco soldi veri. ( Pubbliredazionale)