Cardile : “Gullo ritiri le dimissioni e continui il suo ottimo lavoro”

di Beppe Cardile
Ho letto con interesse l’intelligente intervento di Lino Natoli, da cui emerge una frase che ritengo molto importante: Non si può amministrare a dispetto delle norme, non si può fare finta che non esistano. Questo è sempre stato il principio di Riccardo Gullo, in tutte le sue amministrazioni presenti e passate. Come ben sappiamo a Lipari vige invece la consuetudine del -Prima io e poi vediamo-, principio avvalorato dalle precedenti amministrazioni molto preoccupate del dissenso più che del benessere delle Isole. Questo non è giusto, perché se si esercita il diritto del buon padre di famiglia si può prescindere dal diritto del nonno e delle sue abitudini clientelari (mi riferisco ancora alle passate amministrazioni, a mio parere piuttosto cerchiobottiste).

Il Sindaco Gullo ha semplicemente applicato la legge vigente, esattamente come nella maggior parte della penisola italiana. La legge è legge. E se qualcuno della sua amministrazione non è d’accordo, secondo me è in malafede, ha un parente commerciante, negoziante, barista, e così via. Lo spazio pubblico va rispettato, come gli orari e i volumi musicali dei bar, a volte davvero insostenibili.
I giovani si abituano subito, sono duttili, protestano ma si adeguano. Sono gli anziani i veri duri a convincere, nel nome del -Si è sempre fatto così-, e sfido chiunque a sostenere il contrario. Invito Riccardo Gullo a ritirare le proprie dimissioni e a continuare il suo ottimo lavoro, e specialmente a non rendere dimissionaria una giunta che si è ben comportata, e a costringere Lipari a un commissariamento d’ufficio che sarebbe oltremodo dannoso per la stagione in arrivo, e non solo.
Ci sono importanti lavori già avviati che corrono il rischio di essere fermati: si vuole questo?


 

 

 

Beppe  Cardile