Bonus facciate : conviene ma occhio ai requisiti

di Stefano Paino

Il geom. Stefano Paino

C’è ancora un diffuso clima di incertezza sul come si attui il tanto atteso bonus facciate, alla luce dell’enorme percentuale di detrazione possibile usuifruibile.
Di sicuro la convenienza c’è ma occhio ai requisiti.
Ad esempio sono esclusi tutti gli immobili che non ricadono in area A o B dello strumento urbanistico, per cui una villetta in campagna ricadente in area di tipo E non rientra.
Altro paletto da non sottovalutare è l’intervento sugli intonaci che se superano una certa percentuale di intervento (10%) in rapporto all’estensione dell’intera superficie del fabbricato, scatta l’obbligo di cappotto termico.

Se l’intervento dovesse solo finalizzarsi alla tinteggiatura senza interessare gli intonaci (o parti inferiori al 10% del totale), il bonus facciate si attua direttamente attraverso le procedure previste. Per maggiori dettagli o per conoscere altri lavori ammissibili occorre analizzare caso per caso, attraverso apposita consulenza tecnica dedicata, così da valutare l’ammissibilità al bonus facciate, eventuale pratica edilizia, analisi termiche di trasmittanza.