Bilancio 2022-24 e rendiconto 2021, l’opposizione si cautela : “prima tutti i pareri”

Nota dei consiglieri comunali di opposizione al Presidente del Consiglio comunale Nuccio Russo e per conoscenza al sindaco Riccardo Gullo, al segretario generale Giuseppe Torre, al dirigente Carmelo Calabrese, al collegio dei revisori dei conti, al Commissario ad acta Enzo Abbinati e ai consiglieri comunali

Oggetto: Richiesta manifestazione di disponibilità all’abbreviazione dei termini di esame della proposta di Rendiconto anno 2021 e del Bilancio di previsione corrente – Riscontro nota del 25 novembre 2022.

In riscontro alla sua nota del 25 novembre 2022 riteniamo che qualsiasi nostra decisione possa essere assunta solo dopo la presentazione e il deposito ufficiale delle proposte di approvazione del Bilancio di Previsione 2022-2024 e del Rendiconto di gestione 2021, complete di tutti gli allegati e i pareri previsti per legge, compresa la Relazione dei revisori dei Conti.

La completezza delle suddette proposte consiliari e il relativo deposito è fondamentale per valutare la correttezza delle stesse e di conseguenza un’eventuale nostra disponibilità all’abbreviazione dei termini di deposito previsti dal TUEELL, che i sottoscritti non escludono a priori.
La fretta, però, è spesso cattiva consigliera e lo sanno bene i consiglieri comunali che meno di un anno fa si sono dovuti difendere dall’accusa di danno erariale di fronte alla Procura della Corte dei Conti per una proposta di delibera approvata senza la dovuta attenzione a causa del contingentarsi dei tempi, nonostante i pareri favorevoli di dirigenti e revisori.

Ad oggi, infatti, ci risulta solo una comunicazione del Segretario Comunale, risalente al 16 novembre scorso, sull’avvenuta deliberazione in Giunta dello schema di Rendiconto di gestione 2021 e del deposito dello stesso presso l’Area Economico Finanziario. Certo, l’oggetto della predetta comunicazione, evidentemente IMPROPRIO, faceva ben sperare che fosse stata depositata ai sensi dell’art. 227, comma 2, del TUELL la proposta consiliare di approvazione del Rendiconto di gestione 2021 e la messa a disposizione per i Consiglieri Comunali entro i venti giorni previsti dalla legge prima dell’approvazione in
Consiglio Comunale. Ma così non è stato in quanto la stessa risulta mancante della relazione dei Revisori dei Conti, così come comunicato dallo stesso Segretario e fino a qualche giorno fa dalla stessa ragioneria.
Condizione che rende illegittimo qualsiasi deposito di proposta consiliare ai sensi dell’art. 227, comma 2, del TUELL in quanto lesivo delle prerogative dei Consiglieri Comunali.

Inoltre, il Segretario Comunale non avrebbe mai potuto comunicare il deposito della proposta consiliare ai sensi dell’art. 227, comma 2, del TUEEL se la stessa non fosse stata sottoscritta dal Dirigente Economico Finanziario almeno lo stesso giorno.
Infatti, la proposta consiliare consegnata dal Dirigente del Settore Economico Finanziario al Consigliere Sabatini in data 24/11/2022 riporta la data di sottoscrizione del 18/11/2022, ben due giorni dopo la comunicazione del Segretario Comunale del 16/11/2022.
Pertanto, riteniamo che il Segretario Comunale abbia semplicemente comunicato, nonostante l’oggetto della stessa risulti IMPROPRIO, la sola approvazione della proposta in Giunta e non il deposito della proposta consiliare ai sensi dell’art. 227, comma 2, del TUELL, incorrendo diversamente, cosa che noi escludiamo a priori, in una falsa comunicazione.

Per quanto riguarda il Bilancio di Previsione 2022-2024 ad oggi non risulta alcuna proposta, neanche quella approvata dalla Giunta Comunale. E questo nonostante le nostre ripetute note sull’argomento.
Certo, un coinvolgimento di tutti i Consiglieri Comunali fin dalla fase di redazione del bilancio di Previsione oggi si sposerebbe meglio con la sua richiesta, ma questo è un modus operandi lontano dalle intenzioni dell’attuale Amministrazione visti i trascorsi degli ultimi mesi.
Inoltre, un maggiore coinvolgimento dei sottoscritti nella redazione ed approvazione del nuovo regolamento consiliare e del nuovo statuto avrebbe dato un senso diverso oggi alla sua richiesta, ma anche qui nulla è stato fatto preferendo invece la strada dell’approvazione unilaterale nonostante i numerosi emendamenti presentati dai sottoscritti, tutti respinti, e l’importanza dell’argomento che imponeva un coinvolgimento di tutti i consiglieri, e non solo della parte appartenente all’attuale maggioranza consiliare.

Ad oggi possiamo solo evidenziare come la proposta di Rendiconto di gestione 2021 approvata in Giunta risulti alquanto dubbia e discutibile, soprattutto nella parte del risultato d’amministrazione determinato in circa € 3.700.000.
Appare fondamentale a questo punto, prima di assumere qualsiasi decisione, conoscere anzi tempo la relazione dei Revisori dei Conti.
Se consideriamo, infatti, che il bilancio di previsione 2021 è stato approvato a giugno 2022, quando già si conoscevano le poste di entrata e uscita, risulta oggi di difficile comprensione un risultato di amministrazione di € 3.700.000 a fronte di quello determinatosi nel 2020 di € 300.000 circa. Una contraddizione di fatto.

Ci fa piacere, invece, prendere atto del suo radicale cambiamento di veduta e ritrovata sensibilità sull’importanza di approvare in tempi brevi, almeno entro la fine dell’anno, gli strumenti finanziari necessari al paese.
Non possiamo, infatti, non ricordare le sue improvvise dimissioni da Consigliere Comunale, presentate in data 30 Dicembre 2015, proprio ad apertura della seduta di Consiglio che doveva approvare il Bilancio di Previsione 2015 e il Rendiconto 2014, anch’essi allora, come oggi, di fondamentale importanza per il paese.

E questo nonostante l’allora Presidente Sabatini abbia cercato di convincerla a postergare le dimissioni, pregandola di riflettere e se proprio necessario di rassegnarle in tempi successivi, al fine di permettere l’approvazione in Consiglio del Bilancio di Previsione 2015 e del Rendiconto di gestione 2014 entro la fine dell’anno. Quelle sue dimissioni, infatti, avrebbero potuto avere gravi ripercussioni per il paese rischiando di vanificare tutti gli sforzi fino ad allora fatti dall’ Amministrazione Comunale.

Per fortuna furono altri Consiglieri ad approvare il giorno dopo, in sessione urgente, la sera di San Silvestro, gli importantissimi strumenti finanziari che Lei invece aveva rischiato di far saltare rifiutando di postergare le proprie dimissioni. Ma questi sono discorsi passati che però è utile ogni tanto rammentare a chi oggi chiede quello che ieri non è stato disposto a fare.
Detto, ciò, rimaniamo in attesa della comunicazione ufficiale di deposito delle proposte consiliari sopra citate chiedendo fin da ora al Commissario ad acta, che legge per conoscenza, di vigilare sul rispetto dei termini previsti dal TUELL e rinviando solo ad allora qualsiasi decisione in proposito.

I Consiglieri Comunali
F.to Gaetano Orto
F.to Adolfo Sabatini
F.to Cristina Dante
F.to Raffaele Rifici
F.to Giorgia Santamaria

Lipari : primo Consiglio comunale tra gaffe e retroscena sulla vicepresidenza ma alla fine baci, abbracci e fiori 1