Avis Lipari: 640 sacche di sangue inviate al Simt di Milazzo

Comunicato Avis Lipari

SALTA LA RACCOLTA DEL 29 DICEMBRE, MA L’AVIS DI LIPARI CHIUDE UGUALMENTE IL 2015 CON 640 SACCHE DI SANGUE INVIATE AL SIMT DI MILAZZO

Logo AVIS Lipari Isole EolieL’Unità di Raccolta istituita presso l’ospedale di Lipari non è disponibile, pertanto salta la raccolta di sangue del 29 Dicembre che, come ogni anno, avrebbe permesso di usufruire del contributo agli eoliani che studiano o lavorano fuori dall’arcipelago.

Si è sperato fino all’ultimo, ma la notizia era nell’aria.

Purtroppo il problema era prevedibile dal momento in cui l’ASP, per motivi economici, ha scelto di realizzare l’UdR nei locali ove già opera il Laboratorio Analisi, nonostante la disponibilità di diversi locali non utilizzati; il resto l’hanno fatto le norme sulla sicurezza del sangue, che vietano la concomitante attività delle due strutture.

Scelta che l’Associazione ha dovuto accettare per non compromettere la possibilità di avere l’UdR nella immediatezza; il che ha permesso ai donatori volontari eoliani di poter continuare nella loro missione sociale ed all’ASP ME/5 di continuare ad usufruire della generosità degli eoliani per far fronte alle esigenze di una Provincia ove, ancora, preoccupa la carenza di sangue.

Ma nonostante il freno imposto dalle problematiche di natura logistica, organizzativa e normativa, l’AVIS di Lipari ha fatto il possibile per tornare ai livelli ottimali degli anni passati; così che, dopo un 2014 caratterizzato da eventi che hanno limitato l’attività dell’Associazione, andrà a chiudere il 2015 con 640 sacche di sangue raccolte ed inviate al SIMT di Milazzo.

Siamo ancora lontani dalle 820 sacche del 2012, però ci sono ampi margini di crescita legate all’intesa ed alla collaborazione tra l’AVIS di Lipari (la più grossa ed efficiente Associazione di volontariato presente nelle isole eolie) e le istituzioni preposte a supportarla nell’interesse comune.