Alicudi e quella nave che salta spesso lo scalo

Riceviamo da Alicudi e pubblichiamo:

Possibile che, chi di dovere, non abbia ancora capito che la motonave “Isola di Stromboli” è tecnicamente idonea alla navigazione ed all’attracco solo in condizioni di mare piatto ed assenza di vento? La lunga esperienza di chi di dovere, non suggerisce che tali condizioni meteomarine in inverno siano alquanto infrequenti?

La “Isola di Stromboli” andrebbe utilizzata  su tratte brevi e su attracchi protetti.

Perchè dunque ogni anno si ripete la stessa storia: a inizio inverno entra in servizio la “Isola di Stromboli” sulla tratta Milazzo – Alicudi e praticamente il servizio quasi si annulla. Converrebbe allora (lo dico da cittadina consapevole), ridurre la frequenza delle corse, ma affidarle ad una nave in grado di percorrere
la tratta ed attraccare.

Esempio: una NGI oppure la Sibilla o Pietro Novelli o Filippo Lippi. Sicura di essere tenuta nella giusta considerazione, attendo fiduciosa l’applicazione dei miei suggerimenti.

Distinti saluti
Giovanna Mannino