Al Museo del Mare di Milazzo lo scheletro del capodoglio Siso e le reti e la plastica illegali che lo hanno ucciso

 

 

57821750_10157186022836197_8104770795571511296_n
Lo scheletro del Capodoglio Siso, che ha dato il nome alla campagna Sea Sheperd in difesa dell’ecosistema delle Isole Eolie dalla minaccia dei FAD (Fishing Aggregating Devices), è stato ricostruito all’interno del MuMa – Museo del Mare di Milazzo, nel castello di Milazzo, Sicilia.
Oltre allo scheletro- si legge in un comunicato-  sono state esposte anche le reti e la plastica illegali che lo hanno ucciso, cosicchè le persone ma soprattutto le generazioni future possano vedere i danni provocati dall’uomo che stanno distruggendo i nostri Oceani.

Nella foto il presidente di Sea Shepherd Italia Andrea Morello con Patrizia Maiorca, il ministro dell’ambiente Sergio Costa e Carmelo Isgrò, biologo, che ha trovato e conservato il corpo di Siso.

IMG-20190426-WA0002

PROMOZIONI

CALENDARIO MEDICI MAGGIO

airmax1

airmax2

 

Bozza automatica 101
Annuncio creato il 5 Marzo 2021 18:01