Ad Alicudi si attendono pacchi da Lipari dai primi di dicembre, proteste contro il corriere

Riceviamo da Alicudi e pubblichiamo

“E’ da giovedì 12 dicembre che esortiamo il CD Express di Lipari a mandare i pacchi per  Alicudi entro martedì 17, perchè oltre quella data, le previsioni meteo non avrebbero consentito la navigazione della motonave Isola di Stromboli. Come sempre non hanno ascoltato. Giovedì 19 il tempo è migliorato, l’Isola di Stromboli è venuta, ma CD Express non ha voluto imbarcare i pacchi per Alicudi, rimandando tutto a sabato (oggi), nonostante avessimo sottolineato che le previsioni meteo erano pessime ( la nave ha nuovamente saltato lo scalo).

Pertanto pacchi spediti a fine novembre e ai primissimi di dicembre sono ancora fermi a Lipari e arriveranno nel 2020 ! Non dovrebbe una ditta che opera su isole soggette a maltempo per parecchi mesi all’anno, organizzarsi in maniera efficiente e garantire un servizio minimo a tutti gli utenti delle sette isole?

E’ accettabile tutto ciò? E’ accettabile che una società collegata a Poste Italiane possa non consegnare per un mese intero ?

E’ possibile che una ditta che ha l’appalto della distribuzione su sette isole, abbia solo un furgone per la distribuzione dei pacchi? E se ne ha solo uno, non può imbarcare i pacchi direttamente nel bagagliaio della nave o su un carrello, in casi di forza maggiore?

Elena Braiato
Giovanna Mannino