Sequestrati 23 kg di stoccafisso sbiancato con la calce

stocco adulterato

(Comunicato Guardia costiera Milazzo) Nella giornata di ieri, nell’ambito di attività di vigilanza pesca svolta da personale della Guardia Costiera di Milazzo per prevenire e reprimere illeciti in materia di pesca marittima e commercializzazione di prodotto ittico sono proseguiti i controlli presso i punti di sbarco del pescato, a bordo delle unità da pesca, presso ristoranti e rivendite al dettaglio di prodotti ittici.

Durante l’attività di ispezione presso un esercizio commerciale di Santa Lucia del Mela, all’interno di un vascone di idratazione, è stata accertata la presenza di circa kg. 23 di Stoccafisso, in ammollo in acqua. La particolare colorazione biancastra dell’acqua ha fatto presumere agli ispettori della Guardia Costiera che all’interno della stessa vasca fossero presenti sostanze atte a modificarne la colorazione. Pertanto i militari della Guardia Costiera, con il supporto di un veterinario dell’ASP n.5 di Messina, hanno proceduto ad un controllo più accurato del locale di vendita riscontrando la presenza di un pozzetto frigo contenente un sacco aperto, con  Kg. 2 circa di polvere di “calce calcica idrata indicata per la preparazione di leganti per malte da muratura e per intonaci interni ed esterni”, così come risultava scritto nella confezione stessa.

Si è avuto modo di verificare successivamente che il succitato prodotto, immesso nella vasca con il prodotto ittico, veniva utilizzato quale sbiancante e per mantenere lo stesso più tenero per la successiva vendita.

Tutto il prodotto è stato posto sotto sequestro, il titolare dell’esercizio commerciale è stato deferito all’Autorità Giudiziaria e si è proceduto al campionamento del prodotto al fine di sottoporre lo stesso ad ulteriori accertamenti per verificare concretamente l’eventuale presenza di Ioni di calcio e metalli pesanti.

L’attività di  controllo e vigilanza a cura della  Guardia Costiera di Milazzo continuerà su tutto il territorio di competenza per verificare il rispetto della politica comune della pesca anche in merito all’osservanza delle norme inerenti la tracciabilità/rintracciabilità del prodotto ittico in tutte le fasi della commercializzazione, a tutela delle risorse ittiche, dell’ambiente marino ed a garanzia della sicurezza alimentare del consumatore.

Share